Cos’è il Bonus Funerale: incentivi anche per l’ultimo addio

Ecco uno degli incentivi che si spererebbe di non richiedere; alla prova della commercializzazione in questa zona d’Italia. Cosa c’è di vero

Cos'è il Bonus Funerale: incentivi anche per l'ultimo addio
Bonus “Funerale” (Foto Adobe)

Le formule giornalistiche hanno da tempo adottato sbrigativi ma efficaci termini per attrarre un’attenzione oltremodo spiccata sull’attività di governo (del Governo Draghi); soprattutto sui suoi esiti, i quali, in questo particolare momento di crisi economica europea, si traducono in aiuti finanziari progressivamente rilasciati ai cittadini più svantaggiati. Si parla fondamentalmente di incentivi, passati alla storia come “bonus”. 

I sostegni sono tanti quanti sono le voci approvate insieme ai decreti che le hanno trainate. Sin dall’emergenza sanitaria da Covid, alla ripresa economica si è assistito alla scintilla prodotta dai bonus edilizi, seguiti da quelli assistenziali, legati a famiglie, redditi familiari e redditi bassi, fino alle auto ecologiche e alle stufe per l’inverno. Insomma, il brand del “bonus” è imprescindibile per un messaggio immediatamente comprensibile e, in definitiva, di successo.

Cos’è il Bonus Funerale, l’incentivo “truffa”

LE NOTIZIE IMPORTANTI DA NON PERDERE OGGI:

Di certo, l’ampio uso di questo termine, ricorrente oramai in troppi settori, debordato con i primi finanziamenti europei indirizzati al PNRR, può rivelare anche un aspetto precipuamente deteriore: l’azione “spot”, ovverosia l’azione occasionale delle istituzioni su temi e problematiche spesso endemiche, affrontate – diversamente – in una modalità tutt’altro che strutturale. 

Finché si tratta di un risparmio sostanzioso per l’acquisto di un’auto ibrida od elettrica è abbastanza chiaro l’intento sulla sostenibilità ecologica; lo è anche (in tema ancora di quattro ruote) lo sconto sui corsi per ottenere una patente di guida che possa permettere al giovane di lavorare nell’autotrasporto. Meno intuibile è invece il “bonus funerale”. No, non è ufficiale; troppe risorse occorrerebbero all’Italia per soddisfare i limiti fisiologi umani. È un’abile truffa pubblicitaria.

È apparso sul cartellone pubblicitario di una ditta di onoranze funebri di Casoria (Napoli). Essa dichiara la spendibilità di un bonus da 650 euro, specificatamente dedicato per le proprie spettanze, con detraibili dei costi in fattura per ISEE fino a 30 mila euro. La validità è estesa a tutti i Comuni. Non esiste dunque alcuna erogazione statale in merito; si tratta di uno sconto in fattura applicato direttamente dall’impresa. La novità è giunta anche all’Antitrust con una segnalazione per comunicazioni commerciali pericolose.