Metti in salvo i tuoi soldi per evitare il peggio

Forse ancora puoi non sapere che ci sono alcuni modi specifici per non correre un certo rischio con il tuo denaro.

salvo soldi peggio
(Pexels)

In questo periodo di forti difficoltà economiche è probabile che non molti italiani riescano a mettere da parte un bel gruzzoletto.

Eh sì, perché, in effetti, con tutti i rincari che ci sono e l’abbassamento del potere d’acquisto, di certo non ce la si sta passando molto bene.

In tale contesto socioeconomico, quindi, risulta abbastanza complicato avere qualche risparmio consistente. Tuttavia, se per caso avete la possibilità di tenere qualche cosa per i tempi futuri, allora, probabilmente le prossime righe possono risultarvi interessanti.

Sì, perché, infatti, molto spesso, i nostri risparmi sono decisamente preziosi proprio perché sono il frutto di fatiche e lavoro. Così, a questo punto, non sarebbe il caso di correre il rischio di un pignoramento.

Insomma, però, bisogna anche sottolineare che non sempre si ha modo di sapere dove riporre il proprio denaro senza che avvenga eventualità menzionata poco sopra.

Come fare dunque per stare tranquilli che non ci vengano pignorate delle cifre importanti? Naturalmente, la risposta più ovvia sarebbe quella di svuotare il conto corrente cosicché chi vorrebbe appropriarsi delle nostre somme di denaro, non troverebbe alcunché.

Gli altri dettagli

LE NOTIZIE IMPORTANTI DA NON PERDERE OGGI:

Alcuni, però, pensano che un’altra soluzione efficace sia quella della cassetta di sicurezza che si può ottenere all’interno di un istituto di credito attraverso un canone annuale che, alle volte, può essere piuttosto oneroso.

In questi box, situati in appositi caveau, può essere conservata dai clienti qualsiasi tipologia di beni, da gioelli a documenti che si preferiscono tenere al sicuro.

D’accordo, è vero, si tratta di un’area della banca certamente blindata e caratterizzata da un’alta privacy. Ma, attenzione, perché il Fisco, nel caso lo ritenesse opportuno, potrebbe comunque accedervi.

Allora, appurato che non si tratta di un’opzione che permette di proteggerci dal pignoramento, sarebbe bene, per esempio, scegliere l’assegno circolare.

In questo modo, infatti, sarà molto più facile sfuggire ai creditori. In particolare, bisognerebbe emmettere questo assegno con scadenza triennale e intestarlo preferibilmente a proprio nome.

Nondimeno, però, potrebbe essere efficiace, in tal senso, la sottoscrizione di una polizza vita. Si tratta, quindi, di un contributo economico di cui beneficia un nucleo familiare nel caso venga a mancare la fonte di reddito primaria.