Come si fa la spesa a domicilio con WhatsApp

Si tratta di certo di un’app decisamente apprezzata che, però, in questo periodo, ha deciso di estendere ulteriormente le proprie possibilità.

spesa domicilio whatsapp
(Pexels)

WhatsApp è sicuramente una delle app di messaggistica più popolare degli ultimi anni. Ma, d’altra parte, non è difficile pensarlo, dato che, in effetti, è riuscita, in breve tempo, a conquistare migliaia di utenti.

I motivi sono tanti, come, per esempio, la possibilità di comunicare attraverso messaggi vocali e di inviare file di diversa natura in maniera molto comoda e veloce.

Insomma, ai tempi, è stata una rivoluzione che ha portato sicuramente un buon cambiamento in grado di facilitare la vita di tutti i giorni.

E, a voler guardare, anche di recente, gli sviluppatori provvedono costantemente a migliorare l’applicazione in questione, apportando modifiche, spesso e volentieri, gradite.

Comunque sia, in un prossimo futuro potrebbe essere anche un’altra novità che probabilmente, ancora una volta, sarà accolta di buon grado dagli aficionados.

Ci stiamo riferendo, per l’appunto, a un nuovo e utile servizio incentrato su i punti vendita. Ciò sta a significare che WhatsApp nutrirebbe il desiderio di diventare un vero e proprio marketplace.

Gli altri dettagli

LE NOTIZIE IMPORTANTI DA NON PERDERE OGGI:

A tal proposito, quindi, all’interno dell’app si potrebbero trovare, per esempio, prodotti online, si usufrirebbe di un servizio clienti e si dovrebbe persino avere l’opportunità di provare i capi di abbigliamento grazie alla realtà aumentata.

Già in India, in effetti, si può avere modo di sfogliare un catalogo e fare la spesa direttamente proprio con questa app. Un esempio che ha davvero colpito, quindi, è quello di JioMart, nonché una popolare società di e-commerce.

Insomma, in questo caso, i potenziali avventori mandano semplicemente un messaggio al numero dell’azienda e mettono i prodotti di interesse all’interno di un carrello virtuale.

Che dire, un procedimento che, al giorno d’oggi, è tipico di molte piattaforme, ma che ancora non era diffuso su un’app di messaggistica. Forse, l’unico caso simile è stato quello di WeChat.

Anche se quest’ultima, per la verità, possiede anche tanti altri servizi che peraltro l’hanno fatta diventare qualcosa di universale. E, parliamoci chiaro, proprio per queste ragioni, non potrebbe essere contrastata sul territorio cinese.

Così, in un periodo in cui i social network fanno un pochino fatica a stare al passo con i collleghi più recenti, come, per l’appunto, Tik Tok, l’aggiornarsi in tal senso, per WhatsApp, potrebbe essere una buona cosa.