Via dall’Italia per la crisi: la nuova vita di Angelica

Angelica è italiana ma ormai da anni vive in Uruguay con suo marito e i suoi figli, ora racconta i momenti belli e quelli difficili della sua nuova vita.

Angelica trasferita Uruguay società italiana crisi
(Foto dal web)

Angelica ha 44 anni ed è originaria di Rovereto, in provincia di Trento. In un’intervista rilasciata a Voglioviderecosi.com ha raccontato di essere cresciuta in una famiglia amante dei viaggi e per questo di aver avuto la possibilità di visitare e conoscere tanti bei posti. Poi ha conosciuto il suo fidanzato uruguayano, divenuto in seguito suo marito, con cui ha avuto 3 figli e preso un’importante decisione per la sua vita.

Angelica ha infatti deciso di trasferirsi in Uruguay assieme alla sua famiglia, scegliendo il paese sudamericano in maniera quasi naturale, date le origini del marito. Farlo non è stato semplice ed è avvenuto solo quando lei ha cominciato a sentirsi oppressa da una società italiana in crisi. Lei faceva la mamma a tempo pieno, infatti, e in casa arrivava solo lo stipendio del marito a fine mese.

All’inizio è stata dura, ma poi Angelica ha trovato il suo posto nel mondo

LE NOTIZIE IMPORTANTI DA NON PERDERE OGGI:

Concedersi anche il minimo svago era diventato un lusso, per non parlare di gite fuori porta o viaggi, fuori dalle possibilità economiche della famiglia. Ed è in quei momenti che l’idea di una vita meno frenetica, con una casa di proprietà in mezzo alla natura ha cominciato a farsi strada nella mente di Angelica e suo marito.

Un dicembre di 8 anni fa la decisione di partire. Angelica si è trasferita quindi in un paese di 2.500 abitanti che si chiama Nuevo Berlín e sorge sulle rive del fiume Uruguay, immerso nella natura e lontano dalla città. Inizialmente non è stato facile adattarsi alla nuova vita, soprattutto perché le persone erano un po’ diffidenti e tendevano a rimanere nella propria cerchia di conoscenze.

L’aspettativa di incontrare persone aperte, come spesso si pensa dei latini, non si è realizzata per molto tempo: “per me è stato un trauma. Mio marito andava al lavoro, le bimbe a scuola ed io restavo sola col piccolo tutto il giorno. Mi facevo lunghe passeggiate lungo il fiume e mi godevo la natura. Ma volevo poter fare qualcosa!“, ha raccontato la donna.

Dopo 4 anni in Uruguay ha ricevuto una proposta di lavoro da parte dell’ambasciata, per insegnare lingua e letteratura italiana nelle scuole. L’accoglienza da parte delle colleghe è stata strabiliante e ha permesso ad Angelica di trovare il suo posto nel mondo (o meglio in Uruguay), anche al di fuori della sua bolla familiare.