Pensione INPS Casalinghe: la beffa dei 25 euro al mese

Pensione INPS Casalinghe, come funziona la prestazione erogata e quando conviene davvero: l’esempio di una donna.

pensione delle casalinghe
foto Adobe

Non tutti sanno che esiste un fondo dell’Inps per tutte le casalinghe. In pratica è rivolto alle persone che fatica (e tanto) in casa ma che non ricevono ufficialmente una retribuzione. Sono versamenti volontari a partire dai 25 euro al mese che dopo cinque anni garantiscono una pensione. Ma a quanto ammonta? Vediamo in particolare di cosa si tratta.

Possiamo prendere ad esempio il caso della signora che scrive al sito orizzontescuola.it. Ha 49 anni 9 e mezzo di contributi tra titolare d’azienda e alle dipendenze. Chiede se può maturare pensione decente se si iscrive al suddetto fondo da 25 euro al mese poiché da 8 anni svolge a tempo pieno l’attività di casalinga e chiede per quanti anni dovrebbe versare i contributi.

In particolare domanda se è vero, come ha letto da qualche parte, se bastano 5 anni per andare in pensione a 57 anni come casalinga.

Pensione INPS Casalinghe: come funziona e quanto si può ottenere

LE NOTIZIE IMPORTANTI DA NON PERDERE OGGI:

In pratica, dopo aver dato 25 euro al mese per 5 anni (in totale 1.500 euro), si ricevono 7 euro circa al mese. Però non avviene immediatamente in modo automatico, bisogna comunque aspettare i 65 anni. A 57 anni, infatti, la pensione spetta solo se l’importo maturato supera i 702 euro mensili, dunque 1,5 volte l’assegno sociale INPS che ad oggi è di 468 euro.

Ovviamente si può anche versare più di 25 euro al mese: più soldi si daranno mensilmente e più si riceverà per la pensione. Dunque per ottenere una pensione di circa 500 euro al mese bisogna fare versamenti per almeno 30 anni di circa 300-350 euro mensili. Una circa comunque abbastanza alta considerando i tempi che siamo vivendo con un’altissima inflazione.

Il suggerimento che viene dato alla lettrice è provare a versare i contributi volontari all”Inps per integrare i contributi da lavoro dipendente, quelli già versati in precedenza, in modo da raggiungere i 20 anni di versamento e ottenere in questo modo la garanzia di avere una pensione dal giorno in cui raggiunge il compimento di 67 anni d’età.