Allerta Bancomat in tutta Italia: chiedete subito aiuto

Gli sportelli bancomat presenti su territorio italiano diventano sempre di meno a causa del processo di “debancarizzazione”.

Crisi chiusura sportelli bancomat Italia
(Adobe)

Il processo di debancarizzazione è quello che sta portando alla chiusura di sempre più filiali di istituti di credito. Ma soprattutto degli sportelli bancomat disseminati sul territorio nazionale. Stando ai dati raccolti, infatti, si parla di una media di almeno 600 sportelli atm chiusi ogni anno, con conseguenze sulla gestione dei propri risparmi e in particolare dell’uso di contante.

Il trend della crisi dei bancomat può infatti essere spiegato sia come una causa che come una conseguenza di un nuovo modo di intendere il denaro e i pagamenti per gli Italiani. Da una parte la mancata disponibilità di sportelli bancomat per il prelievo rende necessario il ricorso a soluzioni alterative per effettuare i propri pagamenti. Dall’altra la diffusione dei mezzi tecnologici ha reso il pagamento virtuale molto più facile, veloce e sicuro di quello tramite contanti.

Gli Italiani sono pronti alla digitalizzazione totale dei pagamenti?

LE NOTIZIE IMPORTANTI DA NON PERDERE OGGI:

I dati raccolti in questo senso parlano chiaro: più del 50% degli Italiani sarebbe disposto a una transizione totale verso i pagamenti digitali. Una percentuale del genere acquista ancora più valore se si prende in considerazione che l’Italia è un Paese “vecchio“, ove i cittadini più anziani e meno abituati all’uso della tecnologia (anche per effettuare e ricevere pagamenti) sono numerosi.

Tra i benefici che potrebbero risultare dal passaggio a una cashless society, una società senza contanti, vi è sicuramente il controllo, se non addirittura l’abbattimento, dell’evasione fiscale. Le transazioni digitali, infatti, sono 100% tracciabili, il che rende più semplici e immediati anche gli eventuali controlli da parte dell’Agenzia delle Entrate.

A rendere verosimile questa transizione sono stati anche i numerosi interventi attuati dal governo, ad esempio il piano Cashback. Oppure l’introduzione dell’obbligo di accettare pagamenti con pos anche senza limite minimo di spesa per tutti i commercianti. Lo scopo è quello che eliminare gradualmente l’uso dei contanti, per fare invece ricorso all’uso di modalità di pagamento contacless o tramite app, ad esempio Apple Pay.