Instagram, così si aumentano le visualizzazioni nelle storie

Adobe

Forse la maggior parte degli utenti utilizza Instagram per diletto, per condividere qualche bella foto con i propri contatti. Molti invece fanno un uso dei social più accorto perché si tratta di lavoro.

Questi ultimi sanno bene che bisogna essere continuamente aggiornati sull’algoritmo di Instagram che cambia continuamente. I famosi influencer e il proprio staff (per chi ce l’ha) fanno un lavoro quotidiano per cercare di tenere sempre alto il numero delle visualizzazioni.

Post, reel, storie, sono diversi gli strumenti che la piattaforma mette a disposizione. Soprattutto le ultime vengono utilizzate molto per veicolare messaggi. Vediamo in particolare quali sono quelli più adatti per aumentare le visualizzazioni nelle storie.

Se le tecniche possono essere le stesse perché è uguale l’algoritmo, fondamentale è ovviamente il proprio tocco personale che non deve mai mancare. È quello che identifica gli influencer, che li fa apprezzare dal pubblico di più rispetto ad altri.

Instagram, visualizzazioni nelle storie: come aumentarle

LE NOTIZIE IMPORTANTI DA NON PERDERE OGGI:

Per ottenere più visualizzazioni, innanzitutto non bisogna mai abbandonare il proprio “pubblico” e cercare di aggiornare in maniera costante (ma non eccessiva) il profilo, che sia per intrattenere o vendere.

Le storie “parlate” ad esempio, quelle appunto dove si parla, possono portare più pubblica ma sono un’arma a doppio taglio perché Ma potrebbero anche essere un’arma a doppio taglio. Devono esserci i sottotitoli per dare possibilità a chi è disabile d’udito di capire cosa si sta dicendo ma anche perché c’è il rischio che si possa passare avanti perché in quel momento si è in un posto dove non si può ascoltare.

Strumenti delle storie utili a creare interazione sono le domande e i sondaggi, i quiz, l’inserimento dei link e il countdown.

Altro consiglio importante è quello di creare un cosiddetto open loop, ossia mettere l’utente in attesa di aggiornamento. Ad esempio, un influencer che fa i propri affari ad esempio nel mondo dei viaggi e del turismo, posta una storia mentre sale su una scaletta dell’aereo ma non dice qual è la destinazione, lasciando un appuntamento a qualche ora più tardi quando svelerà dove si trova.