Bonus Cultura 18App: le polemiche non si fermano

Il Governo Meloni, al momento, starebbe pensando di effettuare delle modifiche anche per tale contributo concesso ai neo maggiorenni.

Bonus Cultura 18App polemiche
Studentessa (Pixabay) – Bonificobancario.it

In un quadro storico, caratterizzato, per l’appunto, da una profonda crisi economica, il Governo, come si sa, ha deciso di provare a dare una mano almeno a coloro che non dispongono di uno stipendio stellare.

Codesta intenzione, quindi, si è concretizzata nell’erogazione di qualche bonus, adatti a diverse categorie di cittadini. Tuttavia, con l’insediamento del nuovo esecutivo di centrodestra, alcune disposizioni istituite in precedenza pare che non siano sempre tutte state apprezzate dalla neo premier.

Anzi, al contrario, come ci siamo ormai resi conto, sembra che Giorgia Meloni abbia deciso di apportare delle modifiche significative, per esempio, sul Reddito di Cittadinanza e sul Bonus Cultura.

Eh sì, perché attualmente, quest’ultimo, viene percepito indistintamente da tutti quelli che compiono diciotto anni. Invece, secondo la leader di Fratelli d’Italia, bisognerebbe emetterlo soltanto per quelle famiglie che non hanno un reddito alto.

Ma tant’è, intanto, gli unici requisiti richiesti sono ancora soltanto il raggiungimento della maggiore età e la residenza italiana.

Questo contributo del valore di 500 euro, quindi, i ragazzi possono spenderlo, acquistando libri, cd musicali, biglietti per eventi culturali e concerti, e altro ancora.

Gli altri dettagli

Da quello che è stato riportato, inoltre, si evince che i beneficiari, finora, abbiano fatto uso di questo sostegno soprattutto attraverso piattaforme di commercio online, e, molto probabilmente, in questi giorni, potrebbe essere in vestito in regali di Natale.

Comunque sia, il Governo Meloni, oltre a star pensando di concedere prossimamente 18App soltanto a chi ha un ISEE fino a un certa soglia, starebbe persino considerando un’altra ipotesi.

Infatti, stando alle parole di Barbara Floridia, nonché capogruppo del Movimento Cinque Stelle, non sarebbe da escludere la possibilità di elargire il bonus soltanto a chi se la cava meglio negli studi, e quindi, agli allievi che hanno dei voti più buoni degli altri.

LEGGI ANCHE –> Case Green: arriva il bonus del Governo Meloni

LEGGI ANCHE –> Un altro comune contro il caro bollette: richiedi il bonus

Insomma, a quanto pare, ci potrebbero essere dei cambiamenti sui quali, al momento, il Governo sta ragionando. Vedremo, dunque, se effettivamente verranno poi messe in atto anche queste modifiche.