Finalmente una buona notizia se hai un mutuo

Buona notizia se hai un mutuo: chi ha il variabile ora sta pagando tantissimo ma ci saranno dei vantaggi e per alcuni già ci sono

buona notizia mutuo
Pixabay

La Banca Centrale Europea ha cambiato al rialzo i tassi di interesse. Il costo dei prestiti a breve sarà del 6%. La Fabi, la Federazione autonoma bancari italiani, ha lanciato l’allarme quantifica quale sarà l’impatto sul rialzo dei tassi in particolare sui mutui.

Le nuove condizioni potrebbero rappresentare un motivo per non ricorrere al credito e renderà più complicate le situazioni di chi ha debiti, prestiti e mutui in corso.

I tassi medi di ottobre erano a quota 3,2% quando il costo del denaro era al 2%. Non mancano ora mutui con interessi che superano il 5% e ora che il costo del denaro è al 2,5%, il 6% appare molto vicino.

Secondo i dati che Fabi ha analizzato, i mutui ipotecari sono risaliti di 46,1 miliardi (+12,2%) da 379,1 miliardi a 425,2 miliardi, il credito al consumo di 11,9 miliardi (+11,7%) mentre gli altri finanziamenti hanno registrato un calo di 4,1 miliardi (-2,9%).

Negli ultimi cinque anni il credito alle famiglie è aumentato di 54 miliardi e la maggior parte riguarda mutui prima casa e prestiti al consumo.

Buona notizia per chi accende un mutuo: bisogna saper attendere

Per chi oggi accende un mutuo, c’è una buona notizia per chi preferisce quello a tasso fisso. Infatti chi ha il variabile sta patendo molto in questi mesi con rate che variano anche di 50 euro.

LEGGI ANCHE: Mutuo variabile, la trappola dei 35 euro

Secondo Lando Maria Sileoni, segretario generale della Federazione autonoma bancari italiani, quando i tassi di interesse caleranno e diventeranno più favorevoli, si potrà attivare un nuovo mutuo molto più favorevole per estingue il vecchio.

Ma quanto tempo bisognerà attendere? Su questo punto non c’è nessuna certezza. Ora bisogna stringere i denti ma per molti il peso sta diventando insostenibile perché bisogna far fronte a troppi aumenti, tutti insieme, dalle bollette di luce e gas al carburante (anche se adesso è in leggero calo), dai mutui i prodotti alimentari.

LEGGI ANCHE: Poste Italiane offrono lavoro. Perché ora sarà più facile farsi assumere

E se diventa difficile arrivare a fine mese, è ancora più complicato immaginare di conservare qualcosa per sé e per i propri figli che hanno davanti un futuro sempre più incerto.