Conto Corrente e risparmio: cosa c’è da sapere

Anche per il Conto Corrente è importante valutare bene molti aspetti, dai costi fissi a quelli delle operazioni

conto corrente
Pexels – Bonificobancario.it

Con l’inflazione così alta non dobbiamo solo badare a come risparmiare nelle spese di tutti i giorni ma anche come gestire i nostri risparmi. Il conto corrente ha un costo perché la banca o le poste non mantengono i nostri soldi gratuitamente.

Un consiglio può essere limitare i costi legati al prelievo dei contanti, quando sono previsti. Come fare? Vediamo qual è il conto corrente che ci fa risparmiare in tal senso.

Conto Corrente e risparmio: cosa controllare bene

Quando si apre un conto una delle prime cose da verificare è il canone di gestione. Se parliamo di uno a zero spese, dovrebbe essere gratuito, almeno il primo anno. Ci sono conti infatti che si paga comunque una quota minima, anche se non si effettuano operazioni.

LEGGI ANCHE: Conto Corrente: ecco la banca più sicura d’Italia

Ci sono alcuni conti correnti gratuiti ideati per i giovani under 30 o under35 che solitamente non hanno una grande disponibilità economica visto che purtroppo oggi non è scontato che a quell’età si abbia un lavoro sicuro.

Ci sono anche conti che consentono l‘annullamento del canone fino a quando non è stato raggiunto un determinato tetto di spesa mensile.

Occhio anche ai costi per le operazioni come i prelievi o bonifici. A volte non ci accorgiamo neanche ma per fare queste piccole e rapide operazioni paghiamo uno quota.

Altro elemento da controllare è quel che riguarda le differenze tra le operazioni che si possono effettuare online o allo sportello. Solitamente nel secondo caso si paga. Quindi attenzione prima di andare in banca: meglio controllare se si può fare da sé senza spendere altri soldi.

Alcuni conti correnti all’attivazione mettono a disposizione delle carte di debito gratuite a costo zero. In altri casi le carte di credito, invece, devono essere richieste e hanno dei costi.

LEGGI ANCHE: Manovra Governo Meloni: cosa cambia per tasse, bonus e pensioni

C’è anche l’alternativa al conto corrente. Sono le carte conto dotate comunque di un Iban. Non si tratta di un vero e proprio conto corrente ma possono essere utilizzate tranquillamente per ricevere lo stipendio, la pensione o fare acquisti online.