Banconota 0 euro, esiste davvero: a cosa serve

Banconota 0 euro, strano ma vero: è possibile trovarsela tra le mani realizzata con le tecniche anticontraffazione

Banconota 0 euro
Banconota 0 euro, Facebook – Bonificobancario.it

Tutti i soldi, banconote e monete, hanno un valore nominale, ossia la cifra riportata. Da ventuno anni, quando l’euro è entrato in vigore, abbiamo più monete in tasca rispetto alla lira. Il numero delle banconote è invece inferiore.

Prima avevamo mille lire, 2mila lire, 10mila, 20mila, 50mila, 100mila e più i ricchi anche 500mila. Adesso il taglio più piccolo è di 5 euro, non abbiamo la banconota di 1 o 2 euro che grosso modo si avvicinano al valore di mille o 2mila lire.

Banconota 0 euro stampata legalmente

Banconota 0 euro
Banconota 0 euro, Amazon – Bonificobancario.it

Esiste però anche la banconota da 0 zero. E a cosa serve? È chiaro che non si può comprare nulla, non può essere usata come valore di scambio per beni o servizi. Per lo stesso motivo non è utile neanche ai contraffattori e non varrebbe neanche la pena produrla.

Come riposta Geopop.it, l’dea di stampare la banconota da nessun valore nominale è stata dell’imprenditore francese Richard Faille. Le ha realizzate dal 2015 quando aveva già una lunga esperienza nella produzione di monete commemorative.

LEGGI ANCHE: Moneta da 20 centesimi che vale moltissimo

Queste venivano vendute come souvenir presso musei e attrattive turistiche. Come quelle monete, anche la banconota da 0 euro viene dunque venduta solo come oggetto da collezione.

Come sappiamo solo la Bce può realizzare monete e banconote. L’imprenditore francese commette dunque un reato? Assolutamente no. La Bce con precise autorizzazioni concede il via libera per la stampa delle banconote da 0 euro.

Ed è proprio quello che è successo a Faille nel 2015. Come detto la banconota rispetta anche le norme anticontraffazione, realizzata con un determinato materiale, la filigrana e il numero di serie. Insomma è una banconota in tutto e per tutto ma ci sono due particolarità che devono essere evidenti.

La prima è che non deve essere spacciata come una moneta dal valore legale (anche se comunque nessuno potrebbe farci nulla con 0 euro) la seconda è che l’unica differenza di stampa rispetto a una banconota dal valore nominale utile allo scambio, si deve scrivere che è un souvenir.

Siccome è un oggetto da comprare come ricordo, costa? Come tutti i souvenir ha un prezzo. È basso, 2-3 euro, ma si sa che i collezionisti – per qualsiasi oggetto – sono pronti a fare pazzia pur di avere ciò che cercano.

LEGGI ANCHE: Mille euro all’ora per Maria De Filippi

Basta visitare il sito di Amazon per trovare la 0 euro con la stampa di monumenti, artisti o eventi. C’è ad esempio la celebrazione dell’Unità d’Italia (in foto) o la vittoria della Nazionale italiana di calcio maschile ad Euro 2020: costo 9,99 euro.