Arriva il bonus per la riparazione degli elettrodomestici: come funziona

L’obsolescenza degli elettrodomestici è una vera iattura per i consumatori italiani ed europei, per ovviare ecco il bonus riparazione

Bonus riparazione elettrodomestici bonificobancario.it 20230505
Bonus riparazione elettrodomestici (Foto Twitter – bonificobancario.it)

L’Unione Europea ha da poco portato all’attenzione della sua Commissione, l’organico esecutivo dell’impalcatura amministrativa, un nuovo disegno di legge davvero molto interessante. Il tema di questo sono gli sprechi e come, potenzialmente, prevenirli. Un disegno di legge molto simile ad una proposta già valutata, approvata ed infine applicata, in Austria.

La domanda che si pone l’estensore di questo disegno di legge nasce dalla realtà che iniziamo a vivere tutti i giorni, chi più chi meno. Il grande carico di spazzatura e rottami che continuano quotidianamente ad accumularsi in tutte le discariche d’Europa. Fermare l’aumento è a mani basse impossibile, ma lo si può come minimo rallentare regolandolo e prevenendo che parte di questo finisca a morire.

Una grande parte di questa spazzatura sono i cosiddetti i RAEE, i rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche. Dispositivi tecnologici ed elettrodomestici vari che finiscono a marcire in qualche discarica, prima che però abbiano effettivamente completato il proprio ciclo vitale. Molti sono oggetti perfettamente riparabili.

Bonus riparazione elettrodomestici, la proposta

Ma, i costi di questa riparazione, spesso e volentieri, si rivelano incredibilmente simili ai costi dell’apparecchio nuovo. A conti fatti, quindi, viene naturale scegliere di mandare in pensione l’oggetto che ci ha magari servito per anni come un vecchio televisore o un vecchio aspirapolvere.

Fuori il vecchio, dentro il nuovo insomma. Qual è quindi la proposta UE per evitare che ciò accada? Un disegno di legge sul “diritto alla riparazione”. L’obbiettivo di questa sarebbe quindi poi rendere le riparazioni più semplici ed alla portata di tutti, anche oltre il periodo legale della garanzia. In Austria, una proposta simile va avanti già dal 2022, quando il governo ha presentato allo stato un bonus che permetteva di sostenere i costi di riparazione di un oggetto rotto.

Il tutto per fronteggiare l’ampia mole di rifiuti tecnologici che arrivavano nelle discariche, ma anche per evitare il rinnovo di questi ogni 2 o 3 anni e, limitare quindi, le emissioni di CO2, dovute alla fabbricazione dei sostituti