Bonus Pc e Tablet: ancora poco tempo per farne richiesta. Chi può averne diritto

Bonus Pc e tablet. Quali sono i requisiti per poter ottenere un incentivo statale destinato all’acquisto di dispositivi tecnologici e potenziamento della propria rete internet

Bonus Pc e Tablet
Bonus Pc e Tablet – foto da Pixabay

Se avete in programma di acquistare dispositivi tecnologici e potenziare la vostra rete internet dovreste usufruire del Bonus Pc e Tablet che il Governo sta mettendo a disposizione con sovvenzioni da 500 euro.

Ti potrebbe interessare anche >>> Bonus auto usata: in arrivo da oggi fino a 2.000 euro. Come ottenerlo

Tuttavia, è bene affrettarsi poiché questa possibilità scadrà entro pochissimi giorni, precisamente il prossimo 1° ottobre 2021. Scopriamo quali sono le caratteristiche dell’incentivo statale e quali sono i requisiti necessari per aderirvi.

Bonus di 500 euro per acquisto di Pc e Tablet: esistono delle condizioni. Quali sono

Bonus Pc e Tablet
Bonus Pc e Tablet – foto da Instagram

Come sappiamo, la pandemia da Coronavirus ha reso ancora più indispensabili strumenti tecnologici come PC e tablet, insieme alla necessità di avere a casa una connessione internet ad alta velocità a causa dell’incremento dello smart working e della didattica a distanza.

Il governo aveva già attuato delle manovre di aiuto al riguardo; continuano ancora per due giorni a esserci degli incentivi.

Uno sconto di 500 euro verrà applicato sull’acquisto direttamente in fattura, compilando un modulo in cui l’utente dichiara di possedere i requisiti di reddito che danno diritto al contributo. Quali sono questi requisiti? Molto semplice. Bisogna dimostrare di avere un ISEE inferiore a 20mila euro. Questo farà scattare il bonus direttamente da parte dell’esercente.

Ti potrebbe interessare anche >>> Benedetta Parodi: avete mai visto la sua casa? Stile unico che la rispecchia – FOTO

Bisognerà però accertarsi che sia lo store fisico o l’eventuale negozio online dove si sta procedendo con l’acquisto aderiscano all’iniziativa.

Il contributo statale deve essere diviso necessariamente nel seguente modo: 300 euro sono da destinarsi all’allaccio alla connessione internet con una velocità minima di 30 Mbit/s in download e 15 Mbit/s in upload. Si può usare una nuova linea o potenziare quella già in proprio possesso. I restanti 200 euro servono per l’acquisto di un pc o un tablet. Altro paletto: il provider deve essere lo stesso che fornisce il servizio di rete.