Partite Iva ancora sotto i riflettori. Le novità del governo Draghi

Novità per le Partite Iva a regime forfettario aperte nell’anno 2021 riguardanti il tetto limite, la fatturazione elettronica e la percentuale sui ricavi.

Pagamenti Partite Iva
Pagamenti Partite Iva (foto da Pixabay)

Il genere “forfettario” delle Partite Iva è un regime fiscale agevolato per quei contribuenti che in un anno percepiscono compensi non superiori a 65mila euro e sostengono spese non oltre i 20mila euro lordi.

Dai dati diffusi dal ministero dell’Economia e delle Finanze risulta che rispetto al secondo trimestre 2020 le nuove Partite Iva sarebbero aumentate del 54,1%, per un totale di 147.153 nuove aperture. Di queste 61.153 hanno aderito al regime forfettario. L’anno precedente il 36,8% dei lavoratori a Partita Iva aveva aderito al regime forfettario, mentre quest’anno la percentuale è salita al 41,6%.

In tutto i contribuenti che utilizzano tale regime sono 1,9 milioni circa e ciascuno di essi paga in media 1.730 euro di sostitutiva. Nel 2021 Mario Draghi aveva lasciato supporre che ci sarebbero stati cambiamenti per le nuove aperture a questo regime.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE ->Decreto GOL: le novità in arrivo per i lavoratori

Decisioni del governo Draghi

Mario Draghi
Mario Draghi (foto da Facebook)

La conferma sembra essere arrivata e quindi i contribuenti aventi un regime forfettario possono tirare un sospiro di sollievo. A quanto pare il governo vorrebbe mantenere il tetto limite di 65mila euro di ricavi o compensi e potrebbe anche non esserci l’estensione dell’obbligo di fatturazione elettronica per i forfettari. Infatti quest’ultima, seppur utile a combattere l’evasione fiscale, sembra creare non pochi disagi ai lavoratori autonomi.

LEGGI ANCHE ->Le finanze all’interno di una coppia. Come non litigare

Se da una parte il governo rassicura dall’altra lascia ancora un punto in sospeso. Infatti sembra che si stia ancora studiando come apportare modifiche ai coefficienti di redditività. Quindi i ritocchi che verranno effettuati sulla percentuale dei ricavi che va a determinare il reddito da tassare rimangono ancora un punto interrogativo.