Spesa, che tipo di consumatore sei? Questi i tipi più diffusi

La spesa è un momento a dir poco fondamentale, di qualunque natura essa sia. Ed i consumatori che mettono mano al portafogli sono eterogenei.

Spesa i diversi tipi di consumatore
Spesa i diversi tipi di consumatore Foto dal web

Spesa, c’è modo e modo di farla. Alcuni si dedicano a precise marche, altri spendono tenendo in considerazione precise scelte etiche. Ed altri ancora comprano bio. La spesa è una esatta azione che riflette quello che siamo, la nostra mentalità e molto spesso i nostri principi.

E di conseguenza la spesa è un qualcosa che può essere fatto in modi diversi, e che quindi esprime anche quelli che sono profili diversi di consumatore. C’è il tipo prudente, che mette mano al portafogli solamente per soddisfare i propri bisogni.

Quando i viveri scarseggiano, si va al supermercato o al negozio di alimentari di fiducia. Quando qualcosa si può riparare, lo si fa fino a quando non si raggiunge il limite. Ed in generale diffida delle offerte e dei trucchetti impiegati per invogliare le persone a comprare. Questo è espressione di grande pragmatismo.

Spesa, che tipo di consumatore sei?

Altri invece studiano di tutto e di più per fare la loro spesa: le migliori offerte, i volantini di questa o quella catena di supermercati, ed in aggiunta a ciò altri si adoperano per comprare con i buoni e limitare al massimo l’esborso diretto. La spesa è sinonimo di occasione in questo caso. È il classico consumatore da ipermercato ed outlet.

Leggi anche: Monete da 2 euro rare, queste qui vi renderanno ricchi

Ai giorni d’oggi possiamo comprare di tutto e di più anche restando a casa. Basta istruirsi un pò con il web ed il gioco è fatto. Pure la spesa alimentare per la casa si fa a distanza e c’è qualcuno che te la porta.

Altri ancora spendono per seguire le tendenze del momento ed essere “cool”. In particolar modo questo modo di essere un consumatore è tipico di chi è appassionato di moda e di tecnologia. E molte volte queste sono anche le persone che foraggiano le fanbase dei cosiddetti influencer.

Leggi anche: Cashback, alla fine è servito? I risultati sono sorprendenti

Ce ne sono di tutti i tipi

Foto dal web

Poi ci sono coloro che spendono mettendo prima di tutto come obiettivo impattare al minimo contro l’ambiente. Sono essenzialmente quelli che comprano bio, per quanto riguarda l’ambito alimentare.

E ci sono altre categorie di consumatori, come i collezionisti, che tendono ad acquistare in particolar modo oggetti provenienti dal passato. O i maniaci compulsivi, che fanno propri oggetti che ai fini pratici non hanno alcuna utilità.

Leggi anche: Grande Fratello Vip 6, chi sono i concorrenti più pagati

L’importante è spendere, non importa come. Perché è l’idea dell’acquisto a comportare benessere, più che la fruizione dell’oggetto stesso.