Le 100 lire Minerva: se le hai conservate abbiamo una buona notizia per te

Le 100 Lire Minerva: monete del vecchio conio che valgono una fortuna. Se le possiedi potresti aver tenuto con te un vero tesoro senza rendertene conto. Scopri quanto valgono

Lira italiana 5 lire uva
Lira italiana – Foto da Pixabay

Sembra ieri che i nostri portafogli traboccavano di vecchie lire, invece dalla fine del loro corso legale sono passati quasi venti anni. Sono in molti ad aver conservato monete o banconote del precedente conio come ricordo da lasciare ai propri figli e nipoti.

LEGGI ANCHE -> Ricordi il gettone telefonico? Oggi il suo valore è ben diverso: un autentico tesoro

Ebbene, è giunto il momento di andare a guardare sul fondo di qualche cassetto dimenticato, nelle soffitte e cantine alla ricerca di questi cimeli. Alcuni di essi potrebbero fruttarvi una piccola fortuna.

Le 100 lire Minerva: oggi potrebbero valere tantissimo. Scopriamo tutto al riguardo

100 lire 1954 Minerva
100 lire 1954 – Foto dal web

La 100 Lire Minerva sono state coniate a partire dal 1954 fino al 1989. Queste sono le loro caratteristiche fisiche: hanno un diametro di 27,8 mm, un peso pari a 8 gr, il contorno è rigato, lo spessore misura 2 mm, sono realizzate con materiale acmonital. Gli autori sono Giuseppe Romagnoli e Pietro Gianpaoli.

In un lato è rappresentata una testa di Italia coronata di alloro che guarda verso sinistra. Sotto di essa le firme di Romagnoli e Gianpaoli INC. L’immagine s’ispira all’iconografia delle monete circolanti a Siracusa del IV secolo a.C. Tutto intorno alla moneta c’è la scritta REBVBBLICA ITALIANA.

Dalla parte del rovescio, invece, si trova incisa una raffigurazione della Dea Minerva che impugna una lancia con la mano sinistra. Nella destra tende il braccio verso un albero di alloro. Si trova inoltre l’indicazione del valore L.100 a sinistra della moneta, mentre a destra c’è la R della Zecca di Roma.

Le 100 lire Minerva che oggi valgono di più in assoluto sono quelle di PROVA risalenti al 1954. In Fior di Conio (FDC – condizioni ineccepibili) possono essere vendute per ben 3mila euro. Sono classificate come monete rare R3.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Monete da 2 euro rare, queste qui vi renderanno ricchi

Cambiano di valore in base all’annata, alla tiratura e allo stato di conservazione. Le 100 lire Minerva del 1955 (FDC) sono scambiate per 900 euro, quelle del 1956 (FDC) valgono 250 euro, dal 1959 al 1961 si risale a 550 / 600 euro.

Quelle degli ultimi anni di produzione possono valere circa 50 euro, scendendo fino a 2 euro.