Supertassa in arrivo: attenzione al bancomat

Con l’anno nuovo è in arrivo una nuova tassa sui prelievi bancomat. Ecco tutto quello che c’è da sapere sulla super tassa relativa al prelievo di contanti dagli sportelli bancari.

Truffa del bancomat
Truffa del bancomat (Foto dal pixabay)

Prelevare dei contanti da uno sportello bancomat potrebbe non essere più gratuito. Una super tassa sul prelievo potrebbe gravare ancora una volta sulle spalle dei cittadini. In questo articolo troverai tutti le informazioni di cui hai bisogno.

Ti potrebbe interessare anche —-> Conto corrente in regime di separazione e comunione dei beni: chiariamo le idee

Tutte le informazioni che non sapevi sul prelievo bancomat

bancomat
sportello bancomat (unsplash)

Fino a questo momento prelevare del denaro in contanti da uno sportello bancomat ATM ha un costo irrisorio di circa un euro (dipende dalle condizioni di contratto stipulate con la propria banca).

Per alcuni prelevare dei soldi in contanti è addirittura totalmente gratuito. Purtroppo, però, le cose stanno per cambiare perché la famosa commissione interbancaria potrebbe aumentare.

E’ stata denominata super tassa del prelievo e, come sempre, graverà sulle spalle dei cittadini già particolarmente provati dall’aumento dell’energia elettrica, del gas, dell’Rc auto e chi più ne ha più ne metta.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —-> Case da sogno ad 1 euro. La sfida è tutta italiana, come investire nel mattone?

Ma da quando ci dobbiamo preparare a questa improvvisa super tassa? E soprattutto perché? La decisione di introdurre questa odiosa gabella viene proprio da Bancomat e dovrebbe essere introdotta il prossimo aprile.

L’intenzione è quella di far pagare al titolare della carta di debito una commissione per ogni prelievo di contante effettuato presso un terminale Atm di una banca diversa da quella emittente.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —-> Monete rare, siete fortunatissimi se possedete questa: quanto vale | FOTO

Bancomat Spa ha già sottoposto all’approvazione dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato (cioè l’antitrust) che si pronuncerà il 29 aprile, con il supporto di alcuni istituti di credito. A farne le spese però sarebbero, ancora una volta, i cittadini ma non solo loro.

Anche alcune categorie di banche potrebbero essere danneggiate da questa misura. L’ulteriore problema per i cittadini italiani potrebbe essere legato anche all’eliminazione degli sportelli bancomat perché hanno un costo di gestione molto elevato che non sempre gli istituti di credito sono in grado di fronteggiate.