In scadenza il Bonus Verde! Chi è interessato deve affrettarsi

Il Bonus Verde offerto a tutti i privati senza discriminazioni di Isee. Vediamo a quanto ammonta e come sarà elargito.

Riqualificazione spazi verdi
Riqualificazione spazi verdi (foto da Pixabay)

Lo Stato continua a elargire bonus presentandoli come misure per contenere la crisi economica dovuta alla pandemia da Covid-19. Il concetto non sarebbe sbagliato ma i bonus che andrebbero a sostenere senza discriminazioni le famiglie e i lavoratori sono durati solo pochi mesi.

Il 31 dicembre 2021 sono in scadenza altri tipi di bonus che vorrebbero sostenere alcuni dei settori che secondo chi elargisce tali aiuti economici sono quelli che hanno risentito di più di questa difficile situazione. Ecco allora che arriva il Bonus Verde, ovvero una detrazione fiscale riferita a spese fatte per grandi interventi nelle aree verdi private.

Incredibilmente questo bonus è per tutti, non è richiesta la presentazione dell’Isee. Il motivo è molto semplice, si cela dietro alle modalità in cui viene elargito tale bonus e di conseguenza alle persone che realmente saranno interessate a farne richiesta.

LEGGI ANCHE ->Bonus facciate, arriva l’elenco dei lavori ammessi

I vantaggi del Bonus Verde

Lavori strutturali in giardino
Lavori strutturali in giardino (foto da Pixabay)

Tutti possono richiedere il bonus per gli spazi verdi della propria abitazione, senza discriminazioni. Può essere usato però solo per lavori di modifica strutturale, non basta quindi la normale potatura delle piante e nemmeno il lavoro concreto del fai da te. Deve trattarsi di lavori come la costruzione di un pozzo o di impianti di irrigazione e il tutto ad opera di una ditta specializzata.

Tutti possiamo immaginare quanto vengono a costare simili lavori, ma per chi aveva già in programma di farli questo bonus potrebbe essere una sorta di sostentamento. Scopriamo come a quanto ammonta e come viene elargito.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Lavori edilizi e recupero sottotetto, cosa può cambiare

L’aiuto al privato per incentivarlo ad assumere una ditta per lavori nelle aree verdi viene dato tramite una detrazione fiscale. Pe una spesa massima di 5.000 euro viene rimborsato il 36%, quindi non più di 1.800 euro. Tale somma si riacquista dalla detrazione fiscale che verrà dilazionata in rate che dureranno per 10 anni. Quindi il Bonus Verde equivale a rate annuali di 180 euro l’una, per detrazione fiscale, per una durata complessiva di 10 anni.