Riforma Draghi, sarà possibile andare in pensione anticipata ma ad una condizione

Il Premier Draghi è pronto per la riforma sulla pensione anticipata, sarà possibile salutare prima il posto di lavoro ma ad una condizione.

donna in pensione
Donna in pensione – Unsplash

Secondo le nuove indiscrezioni di Palazzo Chigi, il Premier Mario Draghi è pronto per la riforma sulla pensione. Sarà possibile anticiparla ma ad una condizione. Dopo quota 102 l’esecutivo sta riflettendo sull’estensione delle uscite flessibili per milioni di lavoratori, le condizioni sembrano ottimali.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Aliexpress: perché a volte i pacchi non arrivano. Attenzione a un particolare

Gli italiani non aspettano altro e si dicono pronti a tutto pur di godere in anticipo del meritato riposo.

Pensione anticipata purché si mantengano in ordine i conti

pensione
pensione – pixabay

L’esecutivo è all’opera per rendere fattibile la pensione anticipata, questa ipotesi riguarda la Legge Fornero, dopo quota 102 sarà possibile andare in pensione prima ma ad una condizione, il contributivo deve mantenere in ordine i conti dell’INPS.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Vacanze di Natale 2021: è adesso il momento per prenotare. Voli a 4,99 euro ma dovete sbrigarvi

Secondo l’Istituto nazionale della previdenza sociale sono all’incirca 3000 mila i lavoratori che in riferimento al retributivo fino al 31 dicembre 2020 rientrano nella fascia di età che oscilla tra i 57 ed i 67 anni con 18 anni (almeno) di contributi nell’anno 1995 (periodo nel quale venne approvata la prima riforma Dini).

POTREBBE INTERSSARTI ANCHE —-> Inflazione alimentare, la situazione è drammatica. Migliaia di famiglie in difficoltà

L’idea della riforma Draghi è quella di poter andare in pensione quando si vuole ma allo stesso tempo si percepisce quanto versato. Al momento resta solo un ipotesi che potrebbe essere considerata nel breve tempo.

Gli italiani (almeno per la maggior parte) sono favorevoli all’idea. Così facendo il Governo potrebbe lavarsi le mani dal momento che è scegliere della sua vita è il lavoratore. Più si lavora, più si versano i contributi più la pensione sarà consistente.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —-> Come riciclare l’ombrello: alcune idee divertenti e creative. I metodi che non conoscevi e che ti salveranno la giornata

Al contrario se un lavoratore decide di lavorare meno, al momento non sappiamo gli anni minimi per la riforma, percepirà una pensione irrisoria.