Bonus senza l’ISEE, fino a 2500 euro: cos’è e come funziona

E’ in arrivo un nuovo bonus con scadenza a fine 2022: si tratta del bonus acqua potabile. Al beneficiario fino a 2.500 euro, andiamo a capire di cosa si tratta.

bonus acqua potabile
E’ in arrivo il bonus acqua potabile: tutto quello che devi sapere (Foto da Pixabay)

In questo articolo tutti i dettagli a proposito del nuovo bonus acqua potabile. A chi spetta? Come fare per richiederlo? Quali sono le scadenze? Tutto quello che devi sapere su un nuovo aiuto che ti permetterà di “guadagnare” fino a 2500 euro.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —-> Conto corrente in regime di separazione e comunione dei beni: chiariamo le idee

Bonus acqua potabile: ecco tutto quello che c’è da sapere

bonus acqua potabile
Tutte le novità in arrivo con il bonus acqua potabile (Foto da Pixabay)

E’ una bella notizia che attendevamo con molta ansia. E’ in arrivo il bonus acqua potabile. Molto probabilmente ne avete già sentito parlare ma non avete ben capito di cosa si tratta e quali potrebbero essere i vantaggi.

Intanto bisogna specificare cos’è il bonus acqua potabile. Il bonus acqua potabile consiste nel credito d’imposta al 50% concesso dallo Stato per le spese che vengono sostenuto tra giorno uno gennaio 2021 e il 31 dicembre 2022 per che compra e fa installare sistemi di filtraggio, mineralizzazione, raffreddamento e/o addizione di anidride carbonica alimentare, finalizzati al miglioramento qualitativo delle acque per il consumo umano erogate da acquedotti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —-> Monete rare, siete fortunatissimi se possedete questa: quanto vale | FOTO

Una bella notizia non da poco se si considera che, in molti comuni, l’acqua non è potabile e si è spesso costretti a comprare pesanti casse d’acqua. Oltre a essere una spesa consistente però è anche un bel danno ambientale poiché si consuma molta plastica monouso.

Con il bonus acqua potabile potrete dire addio alle bottiglie di plastica. Ma a chi spetta questo speciale bonus? Non solo alle persone fisiche ma anche a chi detiene un’attività commerciale l’importante è che questi ultimi sostengono le spese su immobili posseduti o detenuti in base a un titolo idoneo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —-> Case da sogno ad 1 euro. La sfida è tutta italiana, come investire nel mattone?

Ma veniamo ai numeri. Quanto ci verrà rimborsato se installassimo i sistemi di filtraggio? Circa 1.000 euro per ciascun immobile alle persone fisiche mentre fino a 5.000 euro per ogni immobile adibito all’attività commerciale.

Attenzione, però. Alla cifra va applicato il credito d’imposta dunque per le persone fisiche il bonus massimo, se l’agevolazione si calcola sulla spesa di 1.000 euro, è di 500 euro. Per i locali commerciali, invece, è di 2.500 euro.