Bonus Spesa: quanto durano e come richiederli

Bonus spesa, i fondi stanziati dal Governo per aiutare tutte le famiglie italiane non sono gestiti direttamente dallo Stato. Per fare richiesta bisogna affrettarsi.

Bonus a sostegno delle famiglie
Bonus a sostegno delle famiglie (foto da Pixabay)

L’agevolazione Bonus Spesa, che in molti Comuni italiani era già attiva prima della pandemia, con l’arrivo dei contagi si è intensificata. Si tratta di un sostentamento economico verso le famiglie italiane per l’acquisto di beni primari, come la spesa di generi alimentari.

Ѐ un intervento attuato da parte del Governo per sostenere le famiglie italiane in questo periodo così delicato. Quindi sono stati stanziati dei fondi da distribuire secondo dei criteri semplici ai più bisognosi. La gestione del fondo non è direttamente amministrata dallo stato ma affidata ai vari comuni del territorio italiano.

Quindi ogni comune ha potuto decidere in base a delle linee generali i vari criteri per distribuire i bonus spesa. Unico criterio comune per tutti è quello che prevede che il fondo per il bonus venga speso solo per i beni di prima necessità. Altre condizioni sono a discrezione dei vari comuni.

LEGGI ANCHE ->Bonus mobili e elettrodomestici ecco a cosa andremo incontro nel 2022

Come accedere al bonus

Bonus Spesa
Bonus Spesa (foto da Pixabay)

I bonus spesa erano stati introdotti originariamente per sostenere le famiglie che si trovavano in una situazione economica difficile. Ora con il decreto Sostegno Bis la situazione è modificata e prevede una distribuzione più ampia dei fondi.

Come già accennato i fondi sono gestiti direttamente dai comuni, e questi hanno adottato diverse maniere per erogarli. Alcuni hanno optato per l’accredito su una carta Poste Pay appositamente creata grazie a una collaborazione con Poste Italiane. Altri invece hanno scelto l’utilizzo di voucher, cartacei o elettronici.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE ->Bonus facciate, per il 2022 cambia tutto

Anche le condizioni di concessione possono variare, così come le date per la richiesta. Alcuni comuni richiedono la presentazione dell’ISEE, altri solo la residenza fissa nel comune al quale si richiede il bonus. Certo è che se si vuole fare richiesta è bene informarsi subito perché in ogni caso le domande si chiuderanno con l’esaurimento dei fondi.