Quali sono i bonus casa più convenienti ? La lista dettagliata e le novità

Sono tanti i bonus di cui usufruire per ristrutturare la propria casa, ma quali sono i più conveniente? I dettagli e le novità apportate dalla Legge di Bilancio 2022.

Bonus mobili ed elettrodomestici
Bonus mobili ed elettrodomestici – Foto da Pixabay

Con l’obiettivo di dare un nuovo volto alle città italiane, il Governo dopo la pandemia ha disposto di diversi incentivi per migliorare le condizioni del proprio immobile.

Dal 2020, infatti, si può usufruire di diversi bonus per poter ristrutturare un immobile di proprietà, purché già esistente.

LEGGI ANCHE -> Assicurazione obbligatoria per sciare: tutti i dettagli di cui non sapevi

Si tratta di diversi Bonus Casa accessibili con alcune condizioni da soddisfare. Proprio per questo motivo alcuni bonus possono risultare più convenienti di altri e che permettono di ristrutturare parti diverse degli edifici in possesso.

Alcuni riguardano il rifacimento delle facciate dell’edificio, mentre altri permettono di effettuare delle migliorie riguardo l’efficienza dell’immobile.

I Bonus Casa più convenienti

casa
Bonus Casa – Foto dal web

Ad oggi, con la nuova Legge di Bilancio 2022, si riconfermano alcuni Bonus Casa e svaniscono tanti altri. Ma quali sono i bonus di cui conviene maggiormente usufruire per ristrutturare un immobile di proprietà?

Il Bonus Facciate, introdotto con la Legge di Bilancio 2020, è una agevolazione fiscale che permette il restauro delle facciate di immobili già esistenti. E’ stato prorogato per il 2022, ma la detrazione ora sarà del 60% e non più del 90%.

LEGGI ANCHE -> Reddito di cittadinanza, arriva il bonus aggiuntivo da 780 euro: come averlo

Il Superbonus rimane uno dei più convenienti, permettendo una detrazione fiscale del 110% sulle spese sostenute per i lavori di ristrutturazione di immobili già esistenti e per migliorarne l’efficienza energetica. Oggi la nuova legge di bilancio conferma una proroga al 2022 per la ristrutturazione delle villette, ma si riconferma il tetto ISEE di 25.000 euro.

LEGGI ANCHE -> Reddito di cittadinanza, arriva il bonus aggiuntivo da 780 euro: come averlo

Tuttavia, la nuova manovra di governo ha optato per una riduzione dell’aliquota di spesa rimborsata, che calerebbe a partire dal 2024, passando gradualmente dal 110% al 70%, per poi giungere fino al 60% nel 2025.

Ciò ridurrebbe l’effettiva convenienza del Superbonus, portando i proprietari degli immobili ad usufruire di altri bonus casa.