La decisione di Dazn che ha lasciato gli abbonati senza parole: cosa cambierà

Novità in arrivo in casa Dazn e sono dolori per gli abbonati che non potranno più godere di un importante beneficio.

DAZN problemi la spiegazione
DAZN problemi la spiegazione Foto dal web

In questo articolo vi spiegheremo cosa cambierà per tutti gli utenti che sono abbonati alla piattaforma Dazn. Guardare le partite non sarà più la stessa cosa. Ecco perché.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —-> Reddito di libertà, 400 euro al mese. A chi spetta e per quanto tempo?

Ecco cosa sta succedendo in casa Dazn: da non credere

Dazn
Novità in casa Dazn: cosa sta succedendo (Foto dal web)

Qualche giorno fa gli appassionati di sport sono andati in subbuglio per una comunicazione davvero inaspettata: il management della piattaforma di streaming ha preso una decisione molto importante.

La notizia viene dai vertici della tv online on demand: stop agli abbonamenti concurrency. Cosa vuol dire? E’ molto semplice, con un solo abbonamento non si potranno più collegare molteplici utenze.

Questo vuol dire che con un unico abbonamento ci si potrà connettere e godere dei contenuti offerti dalla piattaforma da una sola utenza. Così non sarà consentito collegarsi contemporaneamente, con una sola utenza, per esempio, da Milano e da Torino.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —-> Canone Rai, si cambia ancora. Nuove disposizioni sul pagamento

Una notizia non da poco diffusa dal quotidiano economico finanziario Il Sole 24 Ore che ha lasciato gli abbonati senza parole. In tanti, infatti, erano pronti a recedere i contratti e a fare a meno dei contenuti che Dazn offre.

Così i vertici della piattaforma sono dovuti correre ai ripari e rassicurare gli utenti: la possibilità di doppia utenza con lo stesso abbonamento resta fino al termine della stagione calcistica.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Anna Tatangelo e Gigi D’Alessio, la villa dove abitavano insieme. Una reggia – FOTO

L’abbonamento – spiegano i manager di Dazn – dà diritto all’utilizzo del servizio su un massimo di due dispositivi contemporaneamente. Fin dall’inizio del Campionato di calcio di Serie A abbiamo constatato un considerevole incremento di comportamenti non corretti che non può essere ignorato. Tuttavia – concludono – nel rispetto di coloro che usano in modo corretto la condivisione e con l’obiettivo di tutelare l’interesse dei nostri abbonati, nessun cambio verrà introdotto nella stagione in corso“.