Consumi ed elettrodomestici, dopo i rincari a quanto ammontano?

Quanto consumano gli elettrodomestici dopo il rincaro su gas e luce? E’ una domanda che si sono posti milioni di italiani ed alla quale oggi rispondiamo per chiarire le idee.

Come profumare la casa
Foto dal web

Senza elettrodomestici ormai non si vive, la tecnologia è andata talmente avanti che grazie ad un computer installato nell’abitazione possiamo addirittura trovare la cena già riscaldata, l’aspirapolvere che gira per casa ed i termosifoni in funzione.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —-> Il Papa, Capo dello Stato Vaticano: vi siete mai chiesti quanto guadagna? Cifra non così scontata

Grazie a delle applicazioni scaricabili sullo smartphone, la casa è diventata interattiva e molto più funzionale. Da qualsiasi posto in cui vi troviate avete la possibilità di ordinare ai vostri elettrodomestici qualsiasi cosa voi desideriate. Ma tutto questo quanto ci costa dopo i rincari?

Bollette più salate, è tempo di risparmiare

Comprare casa
casa Foto dal web

Con i rincari le bollette saranno più salate, soprattutto il prezzo che riguarda l’utilizzo di elettrodomestici come lavatrici, forni, frigoriferi, condizionatori, frullatori, macchine per il caffè, aspirapolveri e chi più ne ha più ne metta.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Rottura del fidanzamento prima del matrimonio. Diritto a un risarcimento? Scopri a chi vanno i regali

Dimenticate i vecchi consumi e i vecchi importi delle bollette, si pagherà molto di più con i rincari gas ed elettricità. E’ stato calcolato che si spenderà in media 630 euro in più sulla corrente e 1.130 euro sul gas. Insomma, delle cifre non di poco conto.

Esistono alcuni metodi che possono farci risparmiare qualche cifra importante, come ad esempio installare pannelli fotovoltaici o acquistare elettrodomestici di classi superiori alla B.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Come mettere da parte i soldi per i figli. Alcune idee per ottenere fino a 25.000 euro

Gli elettrodomestici fissi come il frigorifero (che non si spegne mai ed è sempre in funzione) potrebbe avere un costo fisso in bolletta di 3,8 euro al mese, un televisione 2 euro ed un computer 3 euro. Considerando i periodi prima dei rincari si nota un aumento dei prezzi di almeno 2 euro.

Le dolenti note le abbiamo sul riscaldamento dell’acqua o dell’ambiente, un banale caldo bagno (stufetta elettrica utilizzata da tutte le famiglie italiane) consuma +23,6 euro rispetto all’anno scorso, ciò vuol dire 66 euro in più al mese.

Al fine di evitare bollette troppo salate è consigliabile spegnere le luci se non sei nella stanza, spegnere i riscaldamenti quando esci, controllare le guarnizioni di porte e finestre affinché il calore non si propaghi all’esterno dell’abitazione.