Super Cashback 2021, rimborsi inaspettati. E’ fantastico

Grandi rimborsi per i partecipanti al programma Cashback 2021, le somme sono quasi inaspettate e inaspettati sono coloro a cui andranno.

Rimborso spese
Rimborso spese (Foto da Pixabay)

Sono in arrivo i rimborsi del Cashback istituito dal governo. Per chi ancora non avesse chiaro di cosa stiamo parlando il Cashback (ritorno indietro di soldi) è una restituzione del 10% per gli acquisti fatti con carte di credito. Devono essere effettuati in negozi fisici e non per spese online, per le quali già tutti si è costretti a usare pagamenti elettronici.

Il programma è strutturato in periodi, il primo dei quali è iniziato a gennaio 2021 e terminato a giugno 2021. Per ognuno di questi periodi è possibile ottenere un rimborso su un tetto massimo di spesa pari a 1.500 euro. Pertanto il rimborso più alto che si può ottenere è di 150 euro.

Le specifiche di utilizzo Cashback non si limitano a questo. Infatti anche se non c’è un importo minimo di spesa per partecipare al programma c’è però un numero minimo di transazioni valide. Ovvero per ciascun periodo di validità di Cashback devono essere compiuti almeno 50 pagamenti elettronici.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE ->Bonifico parlante, cos’è e come si compila: perché è così importante?

Per poter ottenere il rimborso, di massimo 150 euro, è necessario pagare con bancomat, carta di credito o debito o bonifico, o qualunque altro mezzo tracciabile. I periodi però ora sono terminati e coloro che hanno partecipato sono in attesa di essere rimborsati.

Il Super Cashback 2021

Rimborso per coloro che spendono di più
Rimborso per coloro che spendono di più (Foto da Pixabay)

Oltre al normale rimborso del 10% previsto dal programma per coloro che hanno rispettato la soglia di transizioni, la manovra per aumentare l’utilizzo di pagamenti elettronici, ha previsto un premio in più. Si tratta di un ulteriore super rimborso per coloro che hanno fatto il maggior numero di transizioni.

La somma inaspettata è di 1.500 euro a testa. Ma non per tutti coloro che hanno partecipato al programma ma solo per i primi centomila che da gennaio a giugno 2021 hanno accumulato il maggior numero di transizioni. Una sorta di premio speciale di tipo forfettario per i cittadini più “spendaccioni” d’Italia.

L’importo dovrebbe essere accreditato entro fine novembre ma già ci sono dei reclami a riguardo. Infatti il rimborso arriva solo dopo diversi mesi dalla chiusura del progetto e dopo anche il termine ultimo per eventuali reclami di errata contabilizzazione.

LEGGI ANCHE ->Vi siete mai chiesti quanto guadagni un politico in Italia? Svelate le cifre

Inoltre sembra che questa manovra non verrà proposta nuovamente in futuro. Perché a quanto è risultato avrebbe agevolato solo persone già abbienti che utilizzavano di frequente i pagamenti telematici. Di conseguenza il gran premio andrà a persone che forse non ne avevano poi così tanto bisogno.