Fotovoltaico, agevolazioni e rendimento in tutta Italia

Aumento di impianti fotovoltaici, valutiamo gli aspetti positivi e il loro rendimento in base alle installazioni su tutto il territorio italiano.

Energia rinnovabile
Energia rinnovabile (Foto da Pixabay)

Il fotovoltaico rappresenta una fonte di energia pulita e rinnovabile. Anche se l’idea può spaventare un po’ l’Italia sta muovendo grossi passi verso questa direzione e ogni privato può approfittare dei benefici che ne derivano.

I motivi che spingono a scegliere sempre di più l’utilizzo di impianti fotovoltaici sono diversi. Il guadagno principale riguarda certamente la produzione di energia rinnovabile ma non sono da sottovalutare neanche gli investimenti ammortizzati. Inoltre gli impianti fotovoltaici richiedono poca manutenzione, risultano essere un valore immobiliare aggiunto, senza parlare poi delle detrazioni e incentivi fiscali.

Grazie a tutti questi aspetti positivi in Italia, al 31 dicembre 2021, potranno essere considerati operativi ben 986.867 impianti fotovoltaici, di tutte le dimensioni, per una potenza pari a 23 GW. Questi sono dati forniti dalla startup impegnata nel sostenere la transizione energetica delle piccole e medie imprese italiane EnergRed.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE ->Fotovoltaico, quanto conviene veramente? Cosa comporta l’installazione

Gli impianti fotovoltaici in Italia e il loro rendimento

Impianti fotovoltaici su tetto
Impianti fotovoltaici su tetto (Foto da Pixabay)

In base all’accordo entro il quale nel 2030 si dovrebbe raggiungere una certa quota di installazioni per raggiungere un rendimento complessivo di GW, all’Italia mancano ancora 30 GW. Attualmente la regione con maggiori impianti è la Lombardia con 153.422 installazioni, segue il Veneto con 140.960 e l’Emilia-Romagna con 102.883 impianti.

Le altre regioni oscillano tra una media di 50.000 impianti fotovoltaici fino ad arrivare a quelle che per il momento risultano meno attrezzate come il Friuli-Venezia Giulia (39.188), le Marche (32.640), la Calabria (28.880), il Trentino-Alto Adige (28.258), l’Abruzzo (23.735), l’Umbria (21.940), la Liguria (10.674), la Basilicata (9.375), il Molise (4.713) e la Valle d’Aosta (2.728).

LEGGI ANCHE ->La domotica ti fa risparmiare: scopri come consumare meno energia

Secondo la direzione verso la quale si sta andando presto tutte le regioni potranno godere di più alti vantaggi derivanti dalle fonti di energie rinnovabili. Questi, oltre a quelli già elencati, sono anche in termini economici. Infatti un impianto ad alta efficienza, con un rendimento del 20% produrrà circa 1.300 kWh l’anno. In termini finanziari potremmo dire che questo dato è di circa 50-60 euro per kW. Ovviamente in alcune zone della nostra penisola, come ad esempio le regioni del sud, la cifra può salire anche fino a 100 euro.