Fabrizio Corona, che fine per il suo appartamento di lusso: “Una beffa”

Una volta era una delle abitazioni di Fabrizio Corona più rinomate, oggi succede questo tra quelle mura che ne hanno viste di tutti i colori.

Fabrizio Corona che fine ha fatto il suo appartamento
Fabrizio Corona che fine ha fatto il suo appartamento Foto dal web

Fabrizio Corona, da anni ormai, si è contraddistinto per le sue azioni controverse ed a volte anche contro la legge, come attestano le sentenze sfavorevoli ed il carcere che per diverso tempo hanno contrassegnato certi periodi della sua vita.

Oggi l’ex re dei paparazzi è finalmente a casa, anche se deve sottostare a certi obblighi impostigli dal tribunale. Alcune cose rispetto al passato sono cambiate e non ci sono più. E non si parla solo di ex amici e della fama di fotografo implacabile che Fabrizio Corona aveva saputo costruirsi.

Il catanese in realtà sembrerebbe avere dovuto rinunciare anche a dei beni materiali. Come ad esempio un immobile di un valore importante che aveva a Milano. Si tratta di un appartamento che sorge in via de Cristoforis e che consta di otto vani, per un valore stimato di almeno due milioni di euro.

Fabrizio Corona, la legge del contrappasso: cosa avviene nella sua ex casa

Foto dal web

In questi giorni l’abitazione sfitta ha fatto da teatro d’eccezione per una lezione di legalità con tema i beni confiscati a chi si rende colpevole di reati, con diversi alunni del Liceo Scientifico Volta ad assistere alla esposizione.

Questo appartamento in realtà sembra non sia mai appartenuto formalmente a Fabrizio Corona, ma si ritiene che lui ne facesse uso come una abitazione sua in tutto e per tutto affidandola ad un prestanome. Il sequestro scattò nel 2016, due anni dopo invece ci fu la confisca.

Leggi anche: Casa in vendita, oltre 600 annunci in località di montagna: che occasioni

Il tribunale di Milano, tramite la sezione Misure preventive, ne contestò l’acquisto parlando di denaro di provenienza dubbia. Forse si tratta della stessa casa nei cui muri Corona teneva nascosti un milione e 700mila euro in contanti, sigillati in buste chiuse con lo scotch.

Leggi anche: Mutuo della casa, come risparmiare: ci sono tre strade percorribili

Leggi anche: Mara Venier, una casa uscita dalle favole: che vista su Roma | VIDEO

E con l’abitazione affidata ad una sua collaboratrice, che faceva appunto da prestanome. Di quanto c’era fino a pochi anni fa non è rimasto più nulla, a parte la carta da parati. Il mobilio è sparito, confiscato pure quello.