Aiuti alle famiglie. 1.000 euro di bonus per agevolare alcune spese

Bonus fino a 1.000 euro per le famiglie aventi figli. Il sostegno per le spese ha dei parametri specifici che non devono essere ignorati.

Calcolo spese
Calcolo spese (Foto da Pixabay)

Nella situazione in cui si vive oggi non è facile sostenere tutte le spese. Il mondo del lavoro sembra essere sempre più in crisi ma invece di riattivare i meccanismi che lo alimentano entrano in scena vari bonus. Si parla ora di bonus rivolti alle famiglie con i figli.

Tra le spese mensili come il mutuo o l’affitto, le bollette e le rate dell’auto, le visite mediche e quelle dei generi alimentari, vi sono anche altre uscite alle quali non è giusto rinunciare. Dalle vacanze allo sport, la nostra mente e il nostro corpo hanno bisogno di evadere dal quotidiano.

Tutto ciò si moltiplica per le famiglie con i figli, specie se a lavorare è solo un genitore. In attesa che la situazione lavorativa venga ristabilita arrivano in soccorso i bonus forniti dal governo. Questo riguarda tutte le famiglie italiane con dei figli, ma entro certi parametri.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE ->Canone RAI, cambia tutto di nuovo: le nuove disposizioni

Bonus fino a 1.000 euro a chi sono rivolti

Scuole di musica
Scuole di musica (Foto da Pixabay)

Non si tratta di un vero e proprio sconto o rimborso ma di una detrazione dalle tasse che può arrivare fino a 1.000 euro di valore. Per accedervi bisogna avere figli che abbiano un’età compresa fra i 5 e i 18 anni. Questa non è ovviamente l’unica clausola, un certo peso lo avrà anche il reddito ISEE.

Infatti possono accedere al bonus solo le famiglie aventi un reddito annuo non superiore ai 36.000 euro e ricordiamo anche che non tutte le spese per i figli saranno accettate da tale bonus. Infatti non si sta parlando di spese mediche o di un sostegno per l’acquisto di generi alimentari.

LEGGI ANCHE ->Stipendi, previsti aumenti importanti ma non per tutti. Chi sono i fortunati?

Questo bonus è rivolto alla cultura. Sarà possibile scaricare dalle tasse, per un massimo di 1.000 euro, ogni spesa necessaria per l’iscrizione a scuole relative alla musica. Quindi tasse per l’iscrizione al conservatorio, alle scuole di musica, bande, cori o altro che siano riconosciute e certificate.