Bancomat, situazione sempre più critica: “Spariranno con le banconote”

Saranno destinati a sparire e le nuove misure del governo non cercano certo di nascondere tale intenzione. Progresso economico o cambiamento indesiderato?

Carte di credito
Carte di credito (Foto da Pixabay)

Nonostante la pandemia abbia creato non pochi problemi al governo, alle autorità e ai cittadini stessi, ci sono altre questioni che in questi anni sembrano comunque ottenere una certa attenzione. Si tratta dell’aspetto finanziario del Paese.

Gli istituti di credito e tutto il sistema economico nazionale sembra andare velocemente in contro a cambiamenti a dir poco sostanziali. Sono queste le decisioni prese da chi si trova agli alti livelli e che sembrano essere le migliori per garantire progresso, innovazione e sicurezza.

Il rovescio della medaglia sarà affrontato dai cittadini. Saranno i lavoratori e i contribuenti a dover affrontare i cambiamenti e a dover fare i conti con aspetti non del tutto facili e piacevoli. Infatti uno di questi cambiamenti sarà la riduzione del numero dei bancomat in previsione della sparizione di denaro liquido.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE ->Poste italiane, 2022 col botto. Bonus per tutti, clienti al settimo cielo

Bancomat in seria crisi

Prelievo contanti
Prelievo contanti (Foto da Pixabay)

Si spinge per andare verso un’era digitalizzata che ancor meno tollererà l’utilizzo di monete e banconote. La motivazione di tale decisione risiede nel progresso economico, nell’agevolazione per gli istituti bancari e nella lotta contro il crimine e l’evasione fiscale.

Certo è che il cambiamento più avviene velocemente e più sarà difficile adattarvisi. Fino a poco fa i bancomat erano gestiti da una società terza convenzionata in parte. Con il nuovo anno questo compito sarà affidato completamente alle banche le quali si troveranno costrette a dover rientrare con le spese.

Il governo vuole togliere i contanti e come primi passi limita i pagamenti con soldi liquidi e si libera dall’impegno di gestire, seppur in parte, i bancomat sparsi per il Paese. Ma queste decisioni hanno delle conseguenze. Se già si sapeva che la scelta migliore è quella di prelevare dalla propria filiale, non si sapeva che presto non si potrebbe avere scelta.

LEGGI ANCHE ->Pagamenti in contanti, alcune eccezioni ammesse

Infatti le tasse sul prelievo di contanti sono destinate ad aumentare e gli sportelli automatici a diminuire. Presto quindi tutti, e per primi i piccoli centri abitati, si troveranno in condizioni di dover prelevare dall’unico bancomat presente in zona a qualunque prezzo e poi di dover arrivare in città per farlo. Sembra quasi di tornare indietro nel tempo.