Colazioni nei bar alle stelle: allarme anche per il prezzo del caffé

Il costo delle colazioni alle stelle, un grido d’aiuto della ristorazione o un segnale che tutta l’economia sia vicina a un collasso?

Cornetti colazione bar
Cornetti colazione bar (Foto da Pixabay)

Sembra che le limitazioni avute in questi anni per i bar e ristoranti non siano state l’ultimo ostacolo. Si segnala un aumento incredibile delle colazioni ai bar, inoltre in un periodo in cui solo parte della popolazione ha pieno accesso a tali servizi.

A quanto risulta, infatti, sono stati denunciati vari episodi di forti rincari su prodotti come caffè, cappuccini e cornetti presso i bar. Una scelta dell’ambiente della ristorazione che risulta difficile da imputare ai proprietari il cui scopo è certamente quello di guadagnare non certo di perdere clienti.

La situazione quindi appare davvero drastica, in quanto se i gestori di tali esercizi si sono trovati a dover fare una simile scelta è chiaro che a monte deve esserci un problema ben maggiore del guadagno delle colazioni.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE ->Pagamenti in contanti, alcune eccezioni ammesse

Quotazioni dei beni primari per la colazione in aumento

Caffè al bar
Caffè al bar (Foto da Pixabay)

Una mossa di difficile comprensione per la maggior parte delle persone che non sono esperte di quotazioni, borsa e finanza, ma alla quale alcuni esercenti evidentemente non si sono potuti sottrarre. Proviamo quindi ad analizzare quanto accaduto.

L’Assoutenti, l’associazione no profit volta a tutelare i diritti dei consumatori, ha denunciato il rincaro che stanno subendo le prime colazioni in alcuni bar. L’evento sembra abbastanza preoccupante dato che potrebbe derivare dall’aumento delle quotazioni di alcuni prodotti primari.

Le quotazioni del caffè sono salite dell’81%, quelle del latte del 60% e quelle dello zucchero e del cacao del 30%. Questo fatto ha determinato maggiori costi per i bar che si sono trovati costretti a dover ammortizzare in qualche modo. Il risultato che il caffè è arrivato a costare anche 1,50 euro alla tazzina, con un rincaro pari al 37,6%.

LEGGI ANCHE ->Microchip e il futuro, gli investimenti nati dagli ultimi anni

Che sia l’ultimo grido di aiuto da parte dei ristoratori che stanno cercando in tutti i modi di rimanere aperti nonostante le difficoltà e le quotazioni che vogliono spazzare via i piccoli esercenti, di cui l’Italia è fatta? Lo scopriremo presto, certo è che ci sono tutti i sintomi che determinano un malessere generale dell’economia, segno che stanno emergendo gli errori fatti in passato.