Bonus mamme domani 800 euro: possibile fare ancora domanda, serve chiarezza

Bonus mamme domani, l’Inps in una messaggio ha spiegato cosa fare ora che c’è l’Assegno unico e universale

Bonus mamme domani
AnsaFoto

L’Assegno unico e universale per i figli a carico, introdotto quest’anno, ha messo sotto la stessa voce molte delle precedenti misure per la genitorialità e a sostegno della famiglia (alcune sono rimaste escluse, ad esempio il bonus Baby-sitter).

Ma ci sono bonus ancora in vigori che non hanno terminato la propria funzione prima che vengano cancellate definitivamente. Per Bonus mamma domani è ancora possibile presentare la domanda per le donne che al 31 dicembre 2021 erano al settimo mese di gravidanza.

È un aiuto di 800 euro e l’Inps nella circolare numero 23 del 9 febbraio 2022 ha spiegati quali sono le regole del passaggio tra questo premio per la nascita e l’Assegno unico.

Bonus mamme domani, come funziona con l’Assegno unico

LE NOTIZIE IMPORTANTI DA NON PERDERE OGGI:

Il passaggio tra le due misure, infatti, lascia immutato il diritto a beneficiare delle prestazioni che secondo la legge si può ancora ottenere. Infatti si può chiedere il bonus per i figli nati entro il 28 febbraio 2022.

Ricordiamo che dal 1 gennaio di questo è possibile presentare domanda per la nuova misura dell’Assegno unico. In parallelo è dunque possibile chiedere entrambe le misure. Nel caso del Bonus mamma domani si tratta di una tantum, per l’Assegno unico di un’erogazione mensile.

Per quanto riguarda i tempi, per gli 800 euro il termine è fissato entro un anno dalla nascita, l’Assegno unico si può fare ogni mese. Il versamento avviene direttamente sul conto corrente indicato per chi ha figli a carico dal settimo mese di gravidanza ai 21 anni di età.

Proprio in questi giorni c’è un’importante scadenza. Giovedì 30 giugno è il termine ultimo per ottenere gli arretrati. Come detto, è possibile fare domanda dal 1 gennaio e chi l’ha presentata entro il 28 febbraio ha cominciato a precepire l’aiuto da marzo, anche se non sono mancati casi di enormi ritardi.

Chi presenterà domanda entro giovedì, avrà diritto a ottenere anche gli arretrati da marzo. Se l’istanza sarà inviata venerdì 1 luglio, in base ai requisiti, l’Assegno sarà percepito solo dal prossimo mese in poi.