Bonifico per il concerto di Vasco: che brutta sorpresa al risveglio

Un ragazzo si è rivolto a un bagarino sul web per acquistare alcuni biglietti per il concerto di Vasco Rossi per la tappa di Ancora. Truffato per un ammontare di quasi 500 euro. Identificato il malvivente

Vasco rossi biglietti concerto truffa
Carabinieri (Foto Ansa)

L’estate 2022 sta vedendo la ripresa dei grandi concerti dal vivo, tra questi anche quelli della super rock star nostrana, Vasco Rossi, attualmente impegnato in un tour. Le presenze, tappa dopo tappa, segnano cifre sconvolgenti. Si parla di 140mila persone a Roma, 120mila a Trento, 86mila a Imola, e così vià.

I biglietti sono andati a ruba in poco tempo, si è registrato il soul out praticamente a ogni suo passaggio. Gli ultimi concerti hanno visto il rocker impegnato a Messina (il 17 giugno),
a Bari (il 22 giugno) e, infine, ad Ancona. Proprio in occasione di quest’ultima performance, è stato segnalato un caso di truffa che, per fortuna, è finito malissimo per il furbo malvivente. Scopriamo cosa è accaduto.

Compra sui social i biglietti per il concerto di Vasco: viene truffato per quasi 500 euro

LE NOTIZIE IMPORTANTI DA NON PERDERE OGGI:

Un giovane di Tolentino (comune di 18mila abitanti in provincia di Macerata, Marche) è un fan sfegatato di Vasco Rossi.

Dopo due anni di pandemia e stop degli spettacoli, non poteva perdersi assolutamente l’occasione di vedere il suo idolo dal vivo nella tappa di Ancona tenutasi lo scorso 26 giugno presso lo Stadio Del Conero. Purtroppo per lui, però, i biglietti sono andati a ruba, impossibile trovarli.

Per questo motivo ha cercato sul web la soluzione. Si è affidato a un gruppo chiuso su Facebook dal titolo “Biglietti Vasco Rossi”. Si è messo d’accordo con un venditore tramite messenger e ha eseguito un bonifico di 170 euro su un conto corrente lituano intestato ad una donna.

Tramite un secondo account Facebook aveva preso il contatto telefonico di un’altra persona, concordando l’acquisto e l’invio di ulteriori quattro biglietti per lo sborso di una cifra pari a 290 euro. Questa volta il conto corrente era intestato a un uomo.

Ebbene, dopo qualche giorno nessun biglietto è stato recapitato e si visto bloccare il profilo Facebook dai truffatori. Il giovane, svelato il raggiro, ha tentato un successivo acquisto con le stesse modalità. Gli è stato fornito il medesomo Iban e lo stesso nominativo maschile della seconda truffa.

Con questi dati si è presentato alla stazione dei carabinieri di Tolentino per denunciare il fatto. Dopo le dovuta indagini sugli account social,  le utenze telefoniche fornite e i dati degli istituti di credito, le forze dell’ordine sono risalite a una persona originaria di Napoli, già noto alle autorità giudiziarie. Quest’ultimo è stato denunciato per truffa e minacce.

Questa storia c’insegna a non affidarsi mai ai bagarini ma bisogna comprare i biglietti per spettacoli, concerti, eventi sportivi, ecc. solo dai rivenditori autorizzati.

BONIFICO BANCARIO CONSIGLIA… COME RICONOSCERE UN VINILE O UNA VHS RARI