I distributori più economici: ecco dove fare il pieno risparmiando

Come trovare i distributori più economici in Italia: una classifica che divide tra rete urbana, extraurbana e autostrada

AnsaFoto

A marzo, poco dopo l’inizio della guerra in Ucraina, c’era il timore che benzina e diesel potessero arrivare a 2 euro a litro. Successe, poi il prezzo calò, ora è stabile su quella soglia da settimane.

Il governo è intervenuto con il taglio delle accise che ci fa risparmiare 30 centesimi su ogni litro. Il provvedimento è stato prolungato fino all’8 agosto ed è probabile che avrà ancora un’altra proroga in vista del Ferragosto e delle ultime settimane di vacanza.

Ormai prendere l’auto per fare anche pochi chilometri è diventato un problema. Si pensa due volte prima di mettersi al volante ma in alcuni casi è indispensabile per andare al lavoro o per le attività dei figli.

Altrconsumo ha monitorato per un anno il prezzo di benzina, diesel e gpl dal 2 marzo 2021 al 12 aprile 2022 e ha fatto sapere quali sono i marchi più economici.

Sono 14.506 i distributori sia sulla rete urbana che su quella extra urbana e 455 distributori della rete autostradale. Per tutti il prezzo di riferimento è in modalità self, quindi il più economico. È stato anche calcolato il prezzo medio a settimana per provincia.

Distributori più economici, quali sono

LE NOTIZIE IMPORTANTI DA NON PERDERE OGGI:

Nei centri urbani e nella rete extraurbana per la benzina primeggia la Tamoil con un punteggio di 100. Tra i distributori con prezzi più economici ci sono Esso e Q8 (punteggio 101) mentre Agip Eni e Api-Ip risultano i più cari con una media calcolata mediante un indice. 100 infatti indica la compagnia più conveniente e 102 quella che nel periodo preso in esame ha applicato prezzi medi più alti del 2%.

Per quanto riguarda l’autostrada a quota 100 ci sono Tamoil, Q8 e Sarni Oil e a 101 Api-Ip ed Esso mentre a 104 Agip Eni. Il diesel, che una volta costava la metà della benzina, su strade urbane ed extraurbane chi ha tariffe migliori è Tamoil, poi ci sono Esso e Q8 (101), Agi-Ip (102) e Agip Eni (103).

Considerando solo Gpl e in autostrada il primato spetta a Q8. Secondo la ricerca chi fa benzina qui risparmia circa l’11% paragonando i prezzi con Api-Ip.

Ricordiamo che per affrontare l’emergenza, oltre al taglio delle accise, il governo ha creato anche un bonus benzina. Lo rilasciano direttamente i datori di lavoro a propria discrezioni per un massimo di 200 euro. Clicca qui per tutte le informazioni.