Tasse e agevolazioni fiscali per comprare un box auto

Comprare un box auto: tutto ciò che c’è da sapere sulle tasse da pagare e su qualche beneficio fiscale

box agevolazioni fiscali
(foto di Hans Braxmeier da Pixabay)

Comprare un box auto può essere vantaggioso dal punto di vista fiscale nel caso in cui sia di pertinenza di una prima casa. Infatti il garage dal punto di vista catastale è da considerarsi una pertinenza dell’immobile principale. Ciò è infatti regolato dal Codice Civile per quelle cose mobili o immobili che siano destinate a servizio od ornamento in modo durevole di un’altra. In pratica è l’estensione dell’immobile principale e per questo gode degli stessi benefici previsti.

Infatti l’acquisto della prima casa gode di alcune interessanti agevolazioni fiscali rispetto ad altri tipologie di compravendite. La cosiddetta prima casa beneficia di una riduzione delle imposte previste. La tassazione obbligatoria ai fini dell’acquisto di un immobile si compone della imposta di registro, dell’imposta ipotecaria e dell’imposta catastale. L’importo di tali imposte varia a seconda del soggetto venditore. C’è infatti una differenza se il soggetto che vende è un privato o un’impresa rispetto all’applicazione di Legge dell’IVA. Se a vendere è un’impresa ci sarà l’IVA al 10%. Viceversa se il venditore è una persona fisica la vendita non sarà soggetta ad IVA ma solo alle tasse sopracitate.

Comprare o costruire un box: quali le agevolazioni fiscali?

LE NOTIZIE IMPORTANTI DA NON PERDERE OGGI:

L’acquisto del box segue dunque la medesima tassazione dell’immobile principale di cui è pertinente sia in termini di agevolazioni e benefici. La tassazione prevista è inerente alle imposte ipotecarie, catastali e di registro. Nel caso della persona fisica le aliquote sono 9% per il registro, 50 euro sia per ipotecaria che per a catastale.

Nel caso di acquisto di una prima casa le aliquote si riducono. I requisiti per le agevolazioni prima casa implicano che la categoria non sia A1, A8 e A9 vale a dire le abitazioni di lusso tra cui le ville, i castelli, le abitazioni signorili e di pregio storico. Dal punto di vista residenziale l’immobile deve essere situato dove l’acquirente ha la sua residenza entro i 18 mesi dall’acquisto.

Il box rientra nelle stesse agevolazioni della prima casa di cui è pertinenza. Tra queste ci sono i magazzini e i locali di deposito con categoria catastale C/2, le rimesse e le autorimesse C/6 e le tettoie chiuse o aperte C/7.

Se il box/garage viene acquistato separatamente o ristrutturato o realizzato ex novo può beneficiare delle detrazioni per ristrutturazione al 50%. Il tetto di spesa massimo è di 96mila euro ad immobile e la scadenza è prevista per il 31 dicembre 2024.