I soldi spariscono dal conto senza PIN: occhio al bancomat, anche se è in tasca

Attraverso il contactless i ladri riuscirebbero a rubare molto facilmente dal bancomat in tasca, senza PIN.

Carta di credito contactless truffa pos
(Davizro Photography – Adobe Stock)

La tecnologia avanza e di questo non si può che esserne felici. Purtroppo, però, come ogni cosa esiste un rovescio della medaglia. I nostri dati sono sempre più esposti alle minacce esterne: virus, hacker, malintenzionati sono sempre alla ricerca di una falla per sottrarci informazioni sensibili e trarne profitto. È il caso della nuova truffa attuata quando si utilizza il Contactless. A darne notizia un utente di Facebook.

Carta di credito, il metodo utilizzato da alcuni truffatori per svuotarla tramite Pos

LE NOTIZIE IMPORTANTI DA NON PERDERE OGGI:

Il contactless è una nuova tecnologia che consente di effettuare pagamenti semplicemente appoggiando la carta di credito sul POS. Niente più inserimento e lettura del chip. Fantastico, sì. Non fosse, però, che attraverso tale metodo per i ladri sarebbe molto più facile sottrarre il denaro presente sulla carta.

Come? I malintenzionati – riportano i colleghi della redazione di Supereva.it– sfrutterebbero un point of sale portatile ossia un POS mobile. Passando accanto a qualcuno con una carta abilitata il dispositivo sarebbe in grado di effettuare la transazione. Come noto al di sotto dei 25€, peraltro, non sarebbe necessario neanche inserire il PIN. Il ladro, quindi, potrebbe attivare tante microtransazioni al di sotto di tale soglia e svuotare la carte. Nella maggior parte dei casi, chi possiede una carta di tal tipo attiva anche il sistema di notifica tramite mail o sms, tuttavia potrebbe non esserci il tempo di accorgersene.

Il consiglio è quello di non mantenere tale funzione sempre attiva e di farlo soltanto poco prima di effettuare ogni acquisto. Numerose banche offrono App dalle quale è possibile gestire facilmente le proprie carte ed attivare o disattivare il contactless è davvero semplicissimo. Non solo, con l’home banking è possibile monitorare in tempo reale lo stato del proprio conto, quindi, in caso di truffa ci se ne accorgerebbe facilmente correndo subito ai ripari.