Si può pagare in contanti, ma attenzione all’importo: rischiate la multa

Nell’ambito della lotta all’evasione fiscale il governo italiano ha imposto un limite massimo di spesa in contanti: a quanto ammonta.

Pagamento contanti soglia euro
(Marco Scisetti – Adobe Stock)

L’obbligo di utilizzo del Pos sia per commercianti che per liberi professionisti è entrato in vigore dallo scorso 1 luglio.  Una decisione assunta dal Governo che ha deciso di anticipare l’entrata in vigore di questa disposizione prevista per gennaio 2023. La ratio alla base di questa norma, è quella di disincentivare l’utilizzo del contante e preferire pagamenti tracciabili. Sempre nell’ambito della lotta all’evasione, l’esecutivo ha anche per l’anno in corso imposto un limite massimo di utilizzo del contante. Ciò significa che non è possibile pagare in moneta cifre che superano questa soglia. A quanto ammonta nel 2022?

Pagamento in contanti, la soglia imposta dal Governo per l’anno in corso

LE NOTIZIE IMPORTANTI DA NON PERDERE OGGI:

L’evasione fiscale è una piaga che affligge il nostro Paese da sempre. Per tale ragione tutti i Governi che si sono succeduti hanno cercato di trovare strade in grado di disincentivare l’utilizzo del contante e invogliare ai pagamenti tracciabili. Da ultimo l’introduzione dell’obbligo di possedere il Pos per commercianti e liberi professionisti.

Una scelta politica così sentita da chiederne l’entrata in vigore sei mesi prima di quanto era stato precedentemente stabilito. Dal 1 luglio chi non rispetterà l’obbligo andrà incontro a pesanti sanzioni. Un fisso di 30€ cui si aggiunge il 4% dell’importo della transizione per cui si è rifiutato il pagamento con carta.

Tale disposizione si affianca ad un’altra già nota: quella dell’utilizzo del contante assoggettato ad un determinato limite che viene individuato di anno in anno.

Per il 2022 la soglia imposta dall’esecutivo ammonta a 1.999 euro. Oltre tale importo è fatto divieto di pagare in carta moneta dovendo utilizzare metodi tracciabili.

Anche in questo caso, per far sì che la norma non venga disattesa, sono state previste delle sanzioni. Si parla di una multa per i trasgressori che va dai 2mila ai 50mila euro.