Vuoi risparmiare 1.400 euro: arrivano consigli molto utili

Risparmiare 1400 euro all’anno è possibili ma bisogno essere molto rigidi e ferrei con sé stesse per trovarsi un bel gruzzoletto

Pixabay

Se ogni mese ci mettessimo a tavolino con carta e penna ad elencare tutte le uscite, saremmo assaliti dall’ansia e dalla paura di non farcela con i soldi che spenderemmo solo il minimo indispensabile.

Eppure alcune persone devono fare davvero questo genere di lista perché la coperta è corta. Spesa quotidiana, bollette, benzina, altri costi della macchiana per improvvise rotture, bollo, assicurazione, verie ed eventuali.

Tutto ciò pensando solo agli obblighi, senza badare a un po’ di relax e divertimento che comunque costa, anche volendo restare bassi e sanz fare follie.

Risparmiare è un obbligo, una necessità, ma anche qualcosa di molto difficile. Non sempre riusciamo a restare con qualcosa in tasca per poter dire “questo lo metto da parte”. Ma un modo per farlo c’è. Proprio perché non possiamo non provare a risparmiare, dobbiamo studiare delle strategie.

Risparmiare 1.400 euro: come fare

LE NOTIZIE IMPORTANTI DA NON PERDERE OGGI:

La soluzione è fare al contrario. Anziché coprire prima tutte le spese e poi mettere nel salvadanaio quel che resta, dobbiamo agire all’inverso. Dobbiamo fare quasi una sfida con noi stessi, quasi come quando dobbiamo migliorare in qualcosa, che sia provare a dimagrire o toglierci il vizio del fumo.

Bisogna migliorare sempre di più. Quindi mettere in un salvadanaio 1 euro a settimana, poi 2 euro e aumentare sempre di più. Si può arrivare a 52 euro in una settimana per un totale di 1.378 euro in un anno. Se comunque la nostre possibilità economiche sono limitate e non riusciamo a raggiungere queste cifre, arriviamo fin dove possiamo. L’importante è non calare mai la quota mensili. Non riusciamo ad aumentarla? Bene, non facciamone un grande problema, ma se ad esempio a 3 euro a settimana non arriviamo a 4, manteniamo la linea del 3.

Esistono diversi modi per mettere sempre qualcosa nel salvanadaio. Ad esempio con le bollette. Ora sono un grosso problema perché aumentano sempre di più. Ci giunge una batosta di 167 euro? Ecco, se fossero stati 168 o 170 avremmo pagato lo stesso. Dunque facciamo finta che l’importo sia una somma più alta e la parte mancante la mettiamo nel salvadanaio.

Si può fare così per ogni spesa, anche solo di 50 centesimo. E se l’azione viene realizzata da ogni membro della famiglia, alla fine esce fuori davvero un bel gruzzoletto.