Aiuto per le bollette e soluzione energetica: come avere 8.500 euro

Soluzione per le bollette co risparmio per il portafoglio e aiuto concreto per l’ambiente: cosa prevede la misura

Pixabay

Il caro-bolletta e la crisi energetica vanno di pari passo perché i maggiori costi per gas ed elettricità hanno ovviamente delle ripercussioni sulle utenze di casa. Ma la faccenda è connessa anche alla crisi energetica che sta vivendo il nostro pianeta ormai da molto tempo.

Consumare meno o comunque farlo con criterio, non significa solo risparmiare in bolletta ma dare una mano al pianeta, per quanto possa fare ognuno di noi. Un modo è certamente preferire le energie rinnovabili ai fossili. Molti cittadini sceglierebbero questa via ma i costi sono ancora elevati, anche se qualcosa sta cambiando.

Con le bollette che stanno raggiungendo tariffe esagerate e l’inflazione galoppante, la soluzione dei pannelli solari con l’incentivo può essere un’ottima opzione.

Bollette, costi abbattuti con il bonu dei pannelli solari

LE NOTIZIE IMPORTANTI DA NON PERDERE OGGI:

Oltre agli aiuti tramite bonus e agevolazioni, le famiglie italiane possono fare altro, contribuendo anche al benessere del pianeta. È il cosiddetto reddito energetico. Si tratta di una misura che consente di avere 8.500 euro e azzerare quasi la bollette elettrica.

Non sono soldi che vengo messi materialmente in tasca ma che possono essere utilizzati per installare i pannelli solari. Una soluzione da cogliere al volo ma che al momento è possibile sfruttare solo in Puglia. Ma anche le altre regioni potranno sposare la stessa politica energetica.

La possibilità di accedere alla misura, però, non è a disposizione di tutti. Esiste un limite infatti: la platea dei beneficiari possono essere solo i cittadini che hanno un Isee inferiore ai 20mila euro. Per accedere, i pugliesi possono andare sul sito della regione e scaricare la modulistica richiesta e compilarla.

Le altre regioni, quando adotteranno la misura, prenderanno ad esempio le linee guide della Puglia ma non è escluso – anzi, è auspicabile – che ci saranno dei miglioramenti. Può darsi che la cifra erogata sarà superire o sarà innalzata la soglia dell’Isee per l’accesso.