Affitto agli studenti: quali sono le agevolazioni fiscali previste

Firmare un contratto di affitto con gli studenti fuori sede prevede una serie di vantaggi tanto per il locatario quanto per lo stesso conduttore. Ecco quali sono

Affitto studenti
Stanza in affitto per studenti (Foto Twitter)

L’ormai prossima fine dell’estate, ed il repentino arrivo dell’autunno, pone tutti quanti di fronte ad una serie di malinconie e nostalgie ma, anche, nostro malgrado, di fronte a tutta una serie di incombenze e doveri. Le principali riguardano l’organizzazione del tempo, dello spazio e del lavoro per l’anno che ci attende.

Incombenze che, in alcuni casi sono, più gravose rispetto ad altre. Pensiamo in particolare agli studenti universitari e soprattutto agli studenti universitari fuori sede. Per chi è costretto dalla Vita a non poter studiare vicino casa, infatti, ed esclusi gli studenti che hanno la fortuna di vivere in una città con sede universitaria, organizzare l’anno accademico è davvero complicato.

Tre elementi su tutti pesano con forza sulle giovani spalle di chi si appresta ad affrontare il carico dello studio di livello superiore. In primo luogo la gestione degli appelli di esame che risentono ancora dei limiti organizzativi emersi con la pandemia da coronavirus covid-19. In secondo luogo le incombenze amministrative comprese le tasse universitarie. In terzo luogo, per chi non può farne a meno, la ricerca di un alloggio dove vivere per accorciare i tempi di viaggio e la fatica del pendolarismo.

Affitto studenti, ecco tutti i vantaggi fiscali

Studente calcola l'affitto
Studente calcola l’affitto (Foto Twitter)

LE NOTIZIE IMPORTANTI DA NON PERDERE OGGI:

Nel primo e nel secondo caso noi della Redazione di Bonifico Bancario non possiamo essere di grande aiuto mentre, al contrario, siamo in grado di dare una serie di informazioni sulla terza questione e nello specifico su quali sono le agevolazioni fiscali tanto per i locatari quanto per i conduttori di una stanza o di una casa in affitto per studenti.

Ecco le principali. Il presupposto per entrare nel meccanismo dell’agevolazione fiscale è che il contratto, sia esso per una intera casa che per una stanza singola, sia redatto con la modulistica specifica affitto studenti.

La seconda precondizione è che il contratto sia di almeno 6 mesi e per un massimo di 36 tacitamente rinnovabile. In pratica che si rinnova in automatico fin quando uno dei due soggetti interessati non decide di interromperlo previa comunicazione formale.

La terza precondizione è che lo studente abbia la residenza ad almeno 100 km dalla sede universitaria e che la casa o la stanza in affitto abbiano sede fisica nel Comune dove lo studente studia.

I vantaggi, come detto sono per entrambe i soggetti del contratto. Lo studente può portare l’affitto in detrazione la spesa fino ad un limite massimo di 2633 euro. Il locatario di contro può scegliere due benefici fiscali. Una detrazione del 30% delle tasse all’atto della dichiarazione dei redditi o il pagamento di una cedolare secca del 10% di tasse tutto compreso. Un bel risparmio.