WhatsApp, come evitare che qualcuno legga le nostre chat

WhatsApp, come tenere al sicuro i contenuti che abbiamo nel nostro smartphone e in particolare nell’app di messaggistica istantanea

Pixabay

A lavoro in ufficio tra i colleghi o a casa con i familiari: quante volte è successo di lasciare lo smartphone incustodito? Ciò mette a rischio la nostra privacy perché qualcuno può sempre trovare il modo di sbirciare lo schermo.

Oggi sul dispositivo che tutti abbiamo in tasca c’è praticamente la nostra vita e molto di più di quello che appare pubblicamente.

Controllare il telefono del proprio partner è l’ossessione di molte coppie per scoprire cose (o persone) che sono nella vita di lui o di lei. Ma anche chi non ha nulla da nascondere vuole – giustamente – tenersi per sé i fatti propri.

WhatsApp, l’app Serratura-Applock per non diffondere i fatti propri

LE NOTIZIE IMPORTANTI DA NON PERDERE OGGI:

Un modo per proteggersi da occhi indiscreti esiste e si chiama Serratura-Applock.

È un’applicazione che permette di proteggere WhatsApp applicando un blocco. L’unico modo per superarlo è usare l’impronta digitale. Al momento la tecnologia non è riuscita a creare metodi più sicuri per proteggere il proprio telefono. Così conversazioni, foto, video e documenti, saranno come chiusi in una cassaforte.

Non si dovrà più avere timore che qualcuno possa aver scoperto il codice segreto di sblocco. Infatti in una giornata lo usiamo tante volte che lo digitiamo mentre siamo tra la gente, sui messi pubblici e anche tra gli amici. E se tra questi c’è qualcuno che tanto amico non è e fa attenzione quando sblocchiamo il telefono, allora nel caso in cui il dispositivo dovesse restate incustodino, questa persona potrebbe fare qualsiasi cosa.

Nel frattempo WhatsApp continua a lanciare novità per difendersi anche dalla concorrenza. Mentre i dati ufficiali dicono che l’app viene usata da 33 milioni di italiani, a prevede saranno rilasciati importanti aggiornamenti.

Alcune sono state già annunciate ad aprile come la funzione Community per aggregare più gruppi esistenti in un grande contenitore. Una sorta di gruppo dei gruppi. C’è attiva la nuova reazione ai messaggi. A tal proposito, si potranno poi modificare quelli già inviati.

Un’altra grande novità è che si potrà essere online ma invisibili. In pratica gli utenti sceglieranno a ch non mostrarsi disponibili a chattare anche se in effetti lo sono e lo stanno facendo con altri.