Statali: in arrivo arretrati fino a 3.000€ direttamente in busta paga

Statali in attesa di più soldi in busta paga: quali sono le categorie coinvolte e a quanto ammontano le cifre

Bonus fino a 4mila euro
Pixabay

Se per molti l’ambizione è un impiego statale, chi ha un lavoro del genere sta per ricevere una buona notizia. In un periodo così difficile per tutti, avere una busta paga un po’ più ricca non può che far piacere.

L’inflazione è l’emergenza numero uno per gli italiani con i prezzi che tendono sempre più all’aumento causa maggiori costi di produzioni per via dell’energia e delle materie prime.

Chi vende beni e servizi può alzare i prezzi per far fronte alle spese (ma comunque c’è il rischio di perdere clienti e anche per gli autonomi o i liberi professionisti l’aumento di prezzi è qualcosa di negativo) ma chi ha uno stipendio fisso può fare poco se non sperare in un aumento, cosa che sta per avvenire.

O meglio, le buste paghe saranno più pesanti per via dell’attivo di alcuni arretrati. Gli statali troveranno delle somme aggiuntive legate ai contratti dal 2019 al 2021. In alcuni casi si può arrivare anche a 3mila euro e questa importante novità riguarda quattro settori del pubblico impiego: le funzioni centrali come i ministeri e le agenzie fiscali come le Entrate, gli enti locali, la sanità e la scuola.

Buste paghe statali con arretrati: cifre e tempi

LE NOTIZIE IMPORTANTI DA NON PERDERE OGGI:

Quattro comparti del pubblico impiego riceveranno gli arretrati in busta paga tra ottobre e dicembre prossimi.

I ministeriali hanno già ricevuto a luglio. I prossimi a riceverli saranno i lavoratori sanitari, gli infermieri che hanno da poco rinnovato il contratto nazionale, poi toccherà ai dipendenti comunali.

Per il personale sanitario, la media degli arretrati va da 2.268 euro a 3.135 euro lordi. In particolare per gli infermieri le cifre sono più alte, dai 3.777 euro lordi del livello più bassi, fino a 4.736 euro per quelli più alti.

Più bassi invece gli importi per i dipendenti comunali con i soldi che dovrebbero arrivare entro dicembre. L’intesa tra Aran e sindacati, con un aumento medio per il comparto di poco superiore ai 100 euro lordi mensili, è stata siglata il 5 agosto. Si attende ora che vanda validata dal Ministero dell’Economia e dalla Corte dei Conti. In questo caso gli arretrati vanno da 1.444 euro fino a 1.977 euro lordi.