Bonus neonato: 5.000 Euro se nasce il terzo figlio in questa provincia

Si tratta di certo di una buona notizia per tutti i genitori che sognano di allargare la famiglia. Vediamola nel dettaglio.

bonus neonato terzo figlio
(Pexels)

Si tratta, come sappiamo, di un periodo di certo non facile per svariati italiani che stanno affrontando, per l’appunto, alcuni problemi economici di non poco conto.

In effetti, ci sono state delle cause che hanno scatenato una condizione abbastanza preoccupante, portando i prezzi alle stelle di svariati prodotti.

Insomma, fare la spesa, al giorno d’oggi, è sicuramente più dispendioso rispetto a qualche tempo fa. Lo vediamo quotidianamente, infatti, come molti alimenti abbiano un costo superiore di quello a cui eravamo abituati.

Comunque sia, a pagarla cara, diciamo così, sono in particolar modo i nuclei familiari costituiti da un numero maggiore di componenti. È ovvio il fatto che, quindi, questi ultimi fanno più fatica a sbarcare il lunario se ci sono, per l’appunto, molte bocche da sfamare.

Insomma, non è che i singoli cittadini se la passino alla grande, però, perlomeno possono risparmiare qualcosa in più. Non è questo il caso, perciò, delle famiglie che hanno a carico dei figli.

Lo si sa, infatti, che le spese sono sempre tante per crescere dei bambini e per potergli garantire un buon stile di vita. Proprio per questo motivo, in una data Regione d’Italia si sta pensando, perciò, a dare un aiuto concreto, in tal senso.

Il contributo per le famiglie

LE NOTIZIE IMPORTANTI DA NON PERDERE OGGI:

In particolare, ci stiamo riferendo al Bonus neonato che dovrebbe diventare realtà nel 2023 e che è stato programmato dalla Provincia autonoma di Trento.

Il contributo economico in questione, considerato una tantum, sarebbe, dunque, di 5 mila euro per coloro che stanno aspettando il terzo figlio.

Nella fattispecie, il presidente Maurizio Fugatti e l’assessore Stefania Segnana, durante una recente conferenza stampa, hanno affermato che sarebbe un provvedimento ancora sperimentale per invogliare la creazione di famiglie numerose.

Fugatti, quindi, ha continuato, dicendo che le politiche per la natalità, a quanto pare, in questi anni, sono state ben accolte dai nuclei familiari e che hanno davvero la potenzialità di influenzare le scelte dei genitori.

La Segnana, sempre sulla stessa linea, ha sottolineato come, stando ai dati riportati, pare che i giovani stiano finalmente riappropriandosi di un atteggiamento più positivo nei confronti del futuro, rispetto, invece, a quello che si è riscontrato qualche tempp fa.