Cenone della Vigilia di Natale low cost: i consigli più utili

Cenone della Vigilia di Natale low cost, come fare per mangiare bene ma senza spendere troppi soldi: i consigli che valgono tutti l’anno

Pixabay

Il cenone di Natale è alle porte e molti italiani hanno dovuto fare tante rinunce. Lo hanno fatto per garantirsi le solite pietanze a tavola o hanno risparmiato proprio sulla cena del 24 dicembre.

Per molte famiglie i soldi a disposizione sono gli stessi ma i prezzi sono aumentati vertiginosamente. È possibile dunque passare un buon Natale, come si vorrebbe (dal punto di vista culinario) senza spendere troppo?

Regali low cost e spesa alimentare, questi sono i pensieri di molti in questi ultimi giorni che ci portano al weekend di Natale. Non tutti hanno di questi problemi perché purtroppo non avranno soldi a sufficienza per regali e cenone.

Sono tanti i modi per risparmiare che si possono adottare non solo a Natale ma anche durante il resto dell’anno. Basta seguire alcuni consigli per non provare a mettere qualcosa da parte o comunque non spendere le cifre di adesso.

Imparare a gestire le proprie finanze è qualcosa che va programmato e non si improvvisa. Purtroppo con l’inflazione di oggi e gli stipendi bassi, è davvero difficile fare economica ma che risparmiare poco, in questo periodo, è già tanto. L’idea è meglio avere poco che zero.

Cenone della Vigilia di Natale low cost: la “formula” per risparmiare

La regola da seguire è quella del 50/30/20. Praticamente, raccogliamo tutte le entrate mensili e conti alla mano metà la mettiamo da parte per quelle che sappiamo essere le spese indispensabili che dobbiamo affrontare (fitto, bollette, ecc…). Il 30% lo destiniamo ai desideri (la maglia che vogliamo comprare, la pizza con gli amici) e il 20% per il futuro.

LEGGI ANCHE: Pranzo gratis, lunghe file ma non è una bella notizia

Per quest’ultima voce si può considerare anche il Natale. Risparmiare durante l’anno per permettersi qualcosa in più durante le feste che sia anche un viaggio.

Rispettare questa regola è molto difficile ma bisogna almeno provarci per “allenarsi” a quando magari avremo guadagni maggiori e riusciremo a conservare meglio e di più.

LEGGI ANCHE: Benzina e diesel: cosa cambierà nel 2023, nuovi prezzi

Se non sarà proprio 50/30/20, anche se ad esempio quel 50 diventa 60, possiamo scegliere da dove prendere la parte mancante ma l’importante che si abbia sempre qualcosa a disposizione per tutte e tre le voci.