Bollette della luce, cosa succederà davvero nei prossimi mesi

In questo ultimo periodo, lo sappiamo bene, i costi delle utenze sono saliti in maniera eccessiva. Vediamo cosa si prevede.

bollette luce mesi
Una lampadina (Adobe)

Non possiamo certo nascondere che, per svariati mesi dello scorso anno appena passato, la stragrande maggioranza degli italiani si è trovata ad affrontare dei rincari esagerati su vari prodotti.

Lo abbiamo visto, infatti, sugli scaffali dei supermercati che la situazione non è molto rosea da qualche tempo a questa parte. Ma non solo, a dire la verità, sappiamo bene che questo problema riguarda anche il carburante.

La benzina e il diesel, infatti, hanno messo in difficoltà gli automobilisti a causa dei prezzi saliti alle stelle. Spesso e volentieri, il motivo di questi innalzamenti è stata considerata l’inflazione e il conflitto bellico tra Russia e Ucraina.

Naturalmente, però, non possiamo sicuramente dimenticare i costi delle utenze che hanno fatto penare il portafoglio del Bel Paese.

In effetti, tra energia elettrica e gas, nell’ultimo periodo, ci si è trovati faccia a faccia con delle cifre fuori dal comune che hanno fatto rabbrividere i clienti dei fornitori. Ma, una domanda che probabilmente molti si fanno è: cosa succederà nel 2023, in tal senso?

Ci sarà un calo delle tariffe?

Ebbene, secondo alcune fonti, pare che potrebbero anche essere delle buone nuove. Sì, perché è proprio Arera che fa sapere che è facile che in questi primi mesi dell’anno si potrebbe verificare un decremento dei costi delle tariffe fino al 20 per cento.

Ciò, comunque, a quanto pare, sembra che riguardi i mercati tutelati. Insomma, questa diminuizione sarebbe dovuta a due ragioni principali.

In primis, l’abbassamento delle quotazioni all’ingrosso dei prodotti energetici e la seconda è il diretto intervento sia del precedente governo Draghi che l’attuale.

Infatti, l’esecutivo di centrodestra, capitanato da Giorgia Meloni, sta seguendo la stessa direzione del suo predecessore, cioè ci si è impegnati per raggiungere l’abbattimento totale degli oneri generali di sistema proprio sulle bollette della luce che hanno una potenza di 16,5 W.

LEGGI ANCHE –> Lotteria degli scontrini, il fine anno è stato straordinario

LEGGI ANCHE –> Bonus TARI per le famiglie in difficoltà: ecco dove

Per quanto riguarda il gas, questo azzeramento è previsto a ogni condizione. Così, da quello che sembra, gli oneri nucleari verranno presi in carico solo dallo Stato e non saranno più presenti all’interno delle bollette.