In pensione a 63 anni, chi può davvero riuscirci nel 2023

In pensione a 63 anni: si può lasciare il lavoro quest’anno ma in un caso bisogna rispettare dei requisiti molti stringenti

Adobe – Bonificobancario.it

Non solo Opzione Donna, anche per l’Ape sociale c’è la proroga per il 2023. Ma a differenza della prima non ha particolari limitazioni. È infatti una proroga esatta di 12 mesi perché non cambia nulla rispetto al passato.

La misura però è legata ai lavori svolti e dunque è possibile confondersi, anche nella certezza che si può andare in pensione con l’Ape sociale in questo nuovo anno.

In pensione a 63 anni: come si sfrutta l’Ape

È previsto che si può andare in pensione al compimento dei 63 anni di età ma solo se sono stati versati 30 anni di contributi e se il soggetto è invalido, caregiver o adesso disoccupato.

Occorrono invece 36 anni di contributi per chi svolge una delle tante attività di lavoro gravoso previste dalla legge.
Esclusi i lavoro edili e ceramisti per cui bastano 32 anni, servono 36 anni per le attività gravose. Solo chi rientra in queste può avere diritto alla pensione anticipata con l’Ape sociale.

LEGGI ANCHE: Pensioni, che cosa cambia nel 2023: devi saperlo subito

È il caso dell’edilizia o l’agricoltura, lavori che devono essere svolti per sette degli ultimi dieci anni di carriera o per sei degli ultimi sette anni.

Vediamo come funziona la pensione con l’Ape sociale. Le condizioni per lasciare il lavoro nel 2023 sono limitate. Per esempio, se si è un caregiver bisogna rispettare l’avvio della fase di assistenza al parente stretto disabile e convivente.

L’attività di assistenza al parente disabile grave deve essere avviata da almeno 6 mesi prima di poter lasciare il lavoro e sfruttare questa agevolazione. Si tratta infatti più che di una prestazione previdenziale, è assistenziale.

LEGGI ANCHE: Brutte notizie per chi vuole andare in pensione nel 2023

Dei limiti ci sono anche dal punto di vista degli importi. Infatti non prevede la corresponsione degli assegni familiari nemmeno per chi ha il proprio coniuge a carico. Inoltre è una misura che non viene integrata al trattamento minimo, non dà diritto alle maggiorazioni e nemmeno alla tredicesima mensilità. Infine si ricorda che come importo mensile non va oltre i 1.500 euro.