Benzina, prezzi alle stelle: i metodi per risparmiare

La benzina è tornate a tariffe molto alte dopo il mancato rinnovo del taglio delle accise: cosa fare materialmente per spendere meno

benzina
Adobe – Bonificobancario.it

“Ci sarà presto una stabilizzazione dei prezzi dei carburanti”, ha assicurato il ministro dell’Ambiente Gilberto Pichetto Fratin dopo la raccolta dati nei primi otto giorni del 2023. La questione caro carburanti è esplosa di nuovo dopo che dal 1 gennaio lo stesso governo non ha rinnovato il raglio delle accise.

Su un litro costava 18 centesimi in meno che ora devono pagare gli automobilisti. Inoltre qualcuno sta probabilmente provando a speculare tanto che la Guardia di Finanza sta indagando.

In città ci sono distributori che vendono il carburante a 2 euro al litro e in autostrada anche di più. Il Consiglio dei Ministri di martedì ha licenziato un decreto che mira alla maggiore trasparenza sul prezzo della benzina.

I distributori dovranno esporre anche il prezzo medio fornito dal ministero dell’Ambiente e i buoni benzina non contribuiranno al reddito da lavoro dipendente.

Benzina: come risparmiare

Ogni regione e ogni distributore applica una propria tariffa. Sono diversi i suggerimenti utili per risparmiare. Innanzitutto meglio scegliere sempre la modalità self. Sia per la benzina che per il diesel, il risparmio c’è sempre e in alcune regioni arriva anche al 9%.

LEGGI ANCHE: Meloni sul caro benzina: “Non è aumentata”, e mostra i numeri

Altro aspetto noto ma che è meglio ricordare sempre, evitare di fare rifornimento in autostrada. Chi deve fare un lungo viaggio e sa che su un determinato tratto c’è un distributore dove fare rifornimento, meglio valutare l’ipotesi di fare il pieno self prima di partire.

È preferibile scegliere anche le cosiddette pompe bianche, quelle che non fanno parte del circuito delle compagnie di distribuzione di carburante più note.

Per chi abita ai confini nazionali, occhio ai prezzi all’estero. A San Marino ad esempio fare il pieno costa tra i 15 e i 20 euro in meno. In Slovenia la benzina è a 1,242 euro al litro, mentre il diesel segna 1,467. In Austria 1,492 euro al litro per la benzina e 1,685 per il gasolio. Alte ma comunque più basse dell’Italia le tariffe in Francia: 1,642 euro al litro per la benzina e 1,767 per il diesel.

Come guidare per consumare di meno

Infine i consigli che riguardano il modo di guidare e lo stato dell’auto. Maggiore è la velocità e più consumo ci sarà, così come per l’accensione dell’area calda. Attenzione anche alle gomme: se la pressione è troppo bassa il mezzo si muoverà con maggiore fatica e dunque consumerà di più. Evitare anche frenate o accelerate brusche. Soprattutto in città, appena si può è meglio spegnere il motore.

LEGGI ANCHE: Esenzione IMU: chi può ottenerla, scopri come fare

Tenere d’occhio anche le condizioni generali: il filtro dell’aria, l’olio e tutte le altre componenti. Se il mezzo ha componenti ben funzionanti si consumerà di meno. Quando non serve è meglio chiudere i finestrini durante il viaggio, eliminare il portapacchi e tutti i pesi inutili.