Carta Docenti: la sentenza storica per i precari

Carta Docenti, una vittoria per i tanti insegnanti che non hanno un contratto stabile e a tempo indeterminato

Pixabay – Bonificobancario.it

La Flc Cgil Toscana ha vinto due diversi ricorsi che aveva presentato presso il Tribunale di Firenze. La Sezione Lavoro del tribunale toscano ha dato ragione ai ricorrenti.

Anche per due insegnanti precari della scuola, dunque, riceveranno la Carta docenti della quale non avevano potuto beneficiare a causa del contratto a tempo determinato.

Carta Docenti, cosa dice la sentenza

La notizia è stata data dalla Cgil in una nota. Il sindacato ha spiegato che la decisione dei giudici è stata presa sulla base non discriminazione tra docenti a tempo determinato e a tempo indeterminato.

LEGGI ANCHE: Bonus assunzioni: buone notizie per imprenditori e futuri lavoratori

Ha così riconosciuto alle due insegnanti precarie il diritto a vedersi riconosciuta la carta per gli ultimi cinque anni scolastici. Condanna al pagamento delle spese per il ministero.

La Carta docente, ricordiamolo, è un voucher di 500 euro l’anno utile alla formazione e all’aggiornamento. Per la Flc Cgil Firenze è “un importante risultato ottenuto anche nel nostro territorio verso il pieno riconoscimento dei diritti di lavoratrici e lavoratori precari, senza discriminazioni tra assunti a tempo determinato e a tempo indeterminato”.

Quella di Firenze non è l’unica sentenza che va in questa direzione. Vari ricorsi sono stati vinti in diverse città italiane, da Foggia a Torino, da Vercelli a Catania, Marsala e Trani.

Anche la Corte Europea di giustizia e il Consiglio di Stato nel maggio 2022 hanno dato ragione agli insegnanti precari. Tante sentenze che indicato al legislatore che è arrivato il momento di modificare la legge per non trovarsi i tribunali pieni di ricorsi del genere.

La questione andrà in Parlamento

Elisabetta Piccolotti dell’Alleanza Verdi Sinistra ha annunciato che sarà presentata un’interrogazione parlamentare al ministro dell’Istruzione Valditara. Il fine, dice la deputata, è proprio conoscere “come hanno intenzione di procedere per sanare questa situazione”.

LEGGI ANCHE: Truffa milionaria ai danni di Violetta Caprotti, la Signora Esselunga

Come può essere utilizzato nella pratica la Carta docente? Il buono di 500 euro permette di comprare non solo libri. È consentito l’acquisto anche di tablet, PC e tavolette grafiche. Si possono acquistare anche biglietti per eventi culturali come cinema, teatro e concerti, sia nei negozi fisici che online. È possibile utilizzarla anche per pagare corsi di aggiornamento, tasse universitarie e corsi post-universitari.