Come difendersi dal furto dell’account di WhatsApp

Furto dell’account di WhatsApp: non solo soldi dal conto corrente ma anche questo può essere nel mirino dei malintenzionati

Furto WhatsApp
Foto Bonificobancario.it

Ormai abbiamo ben chiaro da tempo che la tecnologia ci ha facilitato la vita. Ma come ogni aspetto positivo, c’è anche quello negativo dietro l’angolo. A parte che anche per l’informatica di base c’è bisogno di una certa istruzione (lo vediamo con gli anziani che non sanno sempre usare i dispositivi elettronici), ci sono anche i pericoli.

Se prima i truffatori li trovavamo fuori casa (e purtroppo è ancora possibile) oggi i raggiri corrono veloci sul web e potrebbe incappare anche chi ha una certa dimestichezza con i più moderni strumenti tecnologici.

Furto dell’account WhatsApp: di cosa si tratta

Vediamo come difendersi dal furto dell’account WhatsApp. Strano ma vero ma anche questo viene rubato ed è più frequente di quanto si possa immaginare. Prima di vedere come difendersi, capiamo di cosa stiamo parlando, come avviene questa truffa.

LEGGI ANCHE: WhatsApp: da oggi puoi bloccare i contatti anche così

La potenziale vittima riceve un messaggio da un contatto conosciuto in cui gli si chiede un codice che è stato inviato per sbaglio. Chi invia il messaggio, probabilmente, è anche lui una potenziale vittima del raggiro. Cedendo il codice equivale a dare le “chiavi di casa” al ladro e dunque truffatore che ci troviamo di fronte.

Chi è dietro al sistema creato per raggirare cerca di fruttare il servizio di messaggistica istantanea per compiere ulteriori frodi usando il numero di telefono della vittima.

Uno degli obiettivi è accedere ai contatti salvati in rubrica. Infatti sono anche truffe non immediate, nel senso che sono nella fase di raccolta dati per poi attuare l’imbroglio successivamente.

Come difendersi

Con una sorta di cosiddetta catena di Sant’Antonio, l’obiettivo è innescare delle truffe seriali. Chiarito come funziona la truffa, cosa bisogna fare per difendersi?

Bisogna attivare la verifica in due passaggi. È caratterizzato dalla facilità e dalla sicurezza e consente di accedere al nostro Whatsapp solo a chi possiede, oltre al codice di registrazione a 6 cifre, il PIN che abbiamo scelto per la verifica in due passaggi. Durante l’operazione è importante anche lasciare il proprio indirizzo email. Sarà decisivo in caso di dimenticanza del Pin.

LEGGI ANCHE: Sms Truffa: paga Poste Italiane, ecco come fare se vi succede

Infine ricordiamo agli utilizzatori di Whatsapp web (quindi sul Pc) di avere un’attenzione in più. Utilizzare l’app sul computer o tablet è certamente molto comodo ma se c’è il sospetto che qualcuno si sia impossessato dell’account, è opportuno disconnetti tutti i dispositivi tramite il telefono.