Alitalia, quanta delusione dai lavoratori storici: “Non doveva succedere”

Tanti ormai ex dipendenti di Alitalia mostrano tutta la loro amarezza. Al suo posto volerà la nuova Ita: “Ma si doveva evitare tutto questo”.

Alitalia fa posto alla compagnia Ita
Alitalia fa posto alla compagnia Ita Foto dal web

Alitalia, dopo settantacinque anni è finita. La compagnia aerea di casa nostra chiude i battenti e da venerdì 15 ottobre 2021 ha già preso il suo posto la nuova Ita – Italia Trasporto Aereo.

E grande è la commozione di coloro che hanno lavorato a lungo nella ormai defunta Alitalia. Molti tra hostess, assistenti di volo, piloti ed anche personale di terra hanno voluto esprimere un personale pensiero per tutto quanto successo.

Di sicuro ci sarà chi non riuscirà a conservare il proprio posto, in questa transizione che porta da Alitalia ad Ita. E non pochi ex dipendenti della storica flotta aerea nostrana si dicono anche arrabbiati da chi, alle posizioni di comando, ha permesso che avvenisse tutto questo.

Alitalia, quanta rabbia nelle parole di chi ci ha lavorato per anni

Foto dal web

Il sentimento diffuso è generalmente di sconfitta, di scoramento, di grosso dispiacere. Una delusione che però non cancella anche le pagine gloriose del passato, come voli istituzionali che hanno portato papi e capi di Stato da una parte all’altra del mondo.

Leggi anche: Belen Rodriguez, la sua casa lascia senza parole: è magnifica FOTO

Questa è una mazzata importante anche per quanto riguarda l’ambito della concorrenza. Perché senza una compagnia aerea rappresentativa, che è tipica degli altri Paesi, qui da noi più che mai prenderà campo un ulteriore proliferare delle compagnie low cost. Che comunque non possono offrire lo stesso servizio.

Leggi anche: Gratta e vinci, quali sono le reali possibilità di successo? Il calcolo

Leggi anche: Comprare casa, come farlo tramite asta: conveniente e sicuro

Si spera che il futuro di Ita possa essere più lungo e più roseo. “Ma sembra che stiamo iniziando già con le difficoltà”, fanno sapere diversi addetti ai lavori.

E pure sui social network le manifestazioni di amarezza e di rabbia anche da parte di persone normali non sono mancate. In tanti si dicono amareggiati dalla politica e dai dirigenti.