Assicurazione auto, attenti a questa truffa: come difendersi

L’assicurazione auto è una vera e propria chimera, e la caccia alla polizza più vantaggiosa può rivelarsi un’arma a doppio taglio, state attenti.

Assicurazione auto attenti alla truffa
Assicurazione auto attenti alla truffa Foto dal web

Assicurazione auto, un vero e proprio salasso per alcuni. Specialmente per chi immatricola un veicolo per la prima volta. Le barriere di entrata sono molto alte, all’inizio. Per fare un esempio, l’assicurazione auto per una Fiat 500 può arrivare fino anche a mille euro per il primo anno di copertura assoluta.

Ed è per questo motivo quindi che in diversi cercano di attivarsi da sé, raccogliendo le giuste informazioni e compiendo le ricerche del caso, anziché affidarsi ad occhi chiusi ad un assicuratore.

Non sono pochi i casi in cui poi si riesce a trovare sul web una assicurazione auto vantaggiosa, che offre gli stessi servizi di quella che potrebbe proporvi un assicuratore nel suo ufficio, ma che risulti avere anche più della metà in meno del costo.

Assicurazione auto, la scoperta di “Striscia la Notizia”

Il problema però è che via internet si può anche rischiare di cadere vittima dei truffatori. Difatti, se esistono situazioni molto convenienti, è anche vero che ce ne sono alcune che nascondono delle insidie dalle quali dobbiamo guardarci.

“Striscia la Notizia” ha scoperto proprio una truffa sull’assicurazione dei veicoli, messa a segno da un sito web chiamato “Sconto Polizza”. Da qui la richiesta fatta ai clienti in cerca di una copertura è quella di 120 euro, poi dovrebbe bastare il libretto di circolazione da spedire su un contatto WhatsApp.

Questo è quanto richiesto per attivare la polizza, ma in realtà non succede nulla. Chi si fa mandare tutto poi prende e sparisce. Con la ulteriore, antipatica conseguenza rappresentata dal fatto che poi è difficile se non impossibile ottenere il rimborso di quanto ci è stato estorto.

Leggi anche: Truffa del pacco, attenti se ricevete questo messaggio | FOTO

Il rimborso della cifra sottratta è sempre complicato

L’unica cosa che possiamo fare è inoltrare richiesta di richiamo se il versamento è stato compiuto con un bonifico bancario, e poi aspettare. A volte anche a lungo. E di siti truffaldini come questo “Sconto Polizza” ce ne sono tanti altri.

Una delle cose a cui prestare attenzione è rappresentata dai prezzi. Se sono fin troppo bassi potrebbe esserci verosimilmente qualcosa di losco alle spalle.

Leggi anche: Truffe online, insegnante perde tutto: la banca deve rimborsarlo

Leggi anche: Truffa Amazon, colpiti migliaia di utenti: come difendersi

Inoltre anche le modalità di pagamento richieste possono farci insospettire, specie se chi ce le richiede spinge per averne di non tracciabili o intende operare su WhatsApp od altri sistemi di messaggistica non rilevabili.